Raoul Bova: fine dei gossip, mi sto separando

Enlarge Dislarge
1 / 2
«Se io sono un personaggio pubblico econosco le regole del gioco, i miei figli non hanno fatto nullaper meritarsi questo trattamento... L’assedio dei fotografi lispaventa... Poi c’è la scuola: i compagni a casa hanno genitoriche leggono, ascoltano, e a tavola commentano queste cose, e ifigli le sentono, e tornando a scuola le ripetono, con lacattiveria che possono avere i bambini: tuo padre sta male, tuopadre è un ladro, tuo padre divorzia, tuo padre è gay... Se mivedo costretto a parlare, è per proteggere loro», più cheun’intervista, quello di Raoul è uno sfogo.L’attore, al cinema a fine anno in “Indovina chi viene aNatale“ di Fausto Brizzi, nell’ultimo numero di Vanity Fair, spiega la decisione di mettere le cose in chiaro suigossip.
«Se io sono un personaggio pubblico econosco le regole del gioco, i miei figli non hanno fatto nullaper meritarsi questo trattamento... L’assedio dei fotografi lispaventa... Poi c’è la scuola: i compagni a casa hanno genitoriche leggono, ascoltano, e a tavola commentano queste cose, e ifigli le sentono, e tornando a scuola le ripetono, con lacattiveria che possono avere i bambini: tuo padre sta male, tuopadre è un ladro, tuo padre divorzia, tuo padre è gay... Se mivedo costretto a parlare, è per proteggere loro», più cheun’intervista, quello di Raoul è uno sfogo.L’attore, al cinema a fine anno in “Indovina chi viene aNatale“ di Fausto Brizzi, nell’ultimo numero di Vanity Fair, spiega la decisione di mettere le cose in chiaro suigossip.