Prandelli: pronto a portare la Nazionale a Lampedusa

Il tecnico azzurro: Di fronte a tragedie così tutti noi dobbiamo contribuire a creare una nuova mentalità”

Sicilia, Sport

FIRENZE. "Di fronte a tragedie così tutti noi dobbiamo contribuire a creare una nuova mentalità: non abbiamo ricevuto inviti, ma dovesse succedere non ci tireremmo indietro. Do la mia disponibilità, dare certi messaggi è importante". Lo ha detto il ct azzurro Cesare Prandelli, pochi giorni dopo il tragico naufragio di un barcone di migranti. Prandelli ha anche parlato dei cori ultrà durante il minuto di silenzio osservato nell'ultima giornata di campionato in memoria delle vittime del naufragio di Lampedusa. ''L'Italia è un paese razzista? No non credo che lo sia. Immagino piuttosto - ha detto il ct - il disagio di chi era allo stadio e non si sentiva rappresentato da quelle persone: sono gli altri che devono alzare la voce e dire basta''. ''L'Italia - ha concluso Prandelli - non è quella che fischia, urla o canta durante il minuto di silenzio ma è quella della solidarietà, di chi prende la barca per andare a salvare la gente in mare''.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati