Slitta l'aumento dell'Iva ma sale il costo della benzina

ROMA. Le coperture per il mancato rialzo dell'Iva a ottobre arriveranno dall'aumento dell'acconto dell'Ires (al 103%) e dell'Irap per il 2013, oltre che dall'incremento delle accise sui carburanti per 2 centesimi al litro fino a dicembre 2013 e poi fino al 15 febbraio 2015 di 2,5 2,5 cent al litro. Si legge nella bozza del decreto legge. 
Le imprese dovranno quindi mettere mano al portafoglio sborsando a dicembre in media circa 1.100 euro in più di tasse a testa per pagare l'acconto Ires e Irap. La quota dell'acconto di Ires e Irap sale infatti dal 101 al 103% nel decreto che approda al Consiglio dei ministri per sterilizzare, fino a tutto dicembre, il preventivato aumento dell'Iva dal 21 al 22%. Per il solo 2013 le imprese dovranno così anticipare le imposte che dovranno con la dichiarazione del prossimo anno, pagando addirittura un sovrappiù: appunto il 103% di quanto prevedono di dover versare.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati