Sicilia, Archivio

Sanità, mancato utilizzo risorse Ecco gli ispettori a Caltanissetta

CALTANISSETTA. Per il mancato utilizzo delle somme destinate ad interventi socio sanitari nel distretto nisseno, l'assessore regionale della Famiglia e delle politiche sociali, ha preannunciato l'arrivo di due ispettori con il compito di accertare le motivazioni del mancato utilizzo delle risorse finanziarie. L'arrivo dei due ispettori prelude anche alla nomina di un commissario ad acta che si sostituirà al comune per l'utilizzo dei finanziamenti assegnati e non spesi. Un seconda tegola è anche in arrivo: è quella relativa al rischio della perdita dei finanziamenti per quasi un milione e mezzo di euro destinati alla cura all'infanzia ed agli anziani non autosufficienti.


I finanziamenti sono destinati alla creazione o implementazione di servizi all'infanzia, tramite un aumento strutturale dell'offerta per asili nido la entrata in funzione di nuove strutture (quello di via Pier Paolo Pasolini) e miglioramento della qualità della gestione dei servizi socio-educativi. Con la stesso finanziamento è previsto un aumento del numero di anziani in assistenza domiciliare. Il Distretto Socio Sanitario ha come capofila il comune capoluogo e comprende Delia, Sommatino, Riesi, Santa Caterina e Resuttano. Da qui anche la visita ispettiva da parte dei funzionari della Regione nel nostro comune, in seguito ad una interrogazione presentata dal deputato regionale dell'Udc Gianluca Miccichè secondo cui il distretto socio sanitario non avrebbe ancora utilizzato comune non avrebbe utilizzato il settanta per cento delle risorse già stanziate per la seconda annualità pari a 655 mila euro, percentuale minima necessaria affinché possa essere erogata la terza annualità pari a quasi un milione di euro.


La mancata erogazione della terza annualità comporta il conseguente mancato avvio dei relativi servizi da assicurare alla popolazione del distretto. «Ciò dimostra - scrivono i tre consiglieri dell'Udc Felice Dierna, Ugo Lo Valvo e Riccardo Rizza - ancora una volta la totale incapacità del sindaco Campisi e dell'assessore Firrone ad accedere ai finanziamenti relativi alle risorse assegnate ai distretti socio-sanitari, la mancata programmazione con il conseguente scollegamento con gli appositi uffici che non ricevono l'input per realizzare i progetti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati