Pesca, Consorzio Lampedusa: "Mazara non rispetta norme"

LAMPEDUSA. ''La marineria di Mazara del Vallo, tra quelle esentate dal fermo biologico in atto, limitatamente alla pesca cosiddetta a fondale (la cattura di gamberi) che si pratica oltre le 12 miglia dalla costa, in questo periodo effettua, invece, la pesca davanti alle acque di Lampedusa comprese entro le 12 miglia, contravvenendo alle disposizioni del Ministero e della Regione siciliana''. Lo denuncia Totò Martello, presidente del Consorzio pescatori di Lampedusa.

Martello chiede un intervento del Ministero: ''Individuare e colpire chi non rispetta la legge - spiega - sarebbe semplice: i pescherecci, infatti, sono dotati di blue-box, strumenti che ne segnalano l'area in cui si trovano ed è semplicissimo stabilire dove stanno operando''.

"In questo periodo - conclude - il fermo della marineria di Lampedusa consente il ripopolamento della fauna costiera, in particolare modo delle triglie, che sono di piccola pezzatura. Invece, la pesca di questa specie ne impedisce la crescita, creando un notevole danno alla marineria locale, che alla ripresa dell'attività si troverà in difficoltà''.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati