Sicilia, Tempo libero

Viaggiare coi passaggi in auto La Sicilia tra le mete preferite

Ride sharing. Utilizzato per scoprire luoghi nuovi e semplicemente per ottenere uno «strappo» a casa da parte di chi percorre la stessa strada

PALERMO. Condividere per risparmiare. E’ questo lo slogan dell’ormai famoso ride sharing o «condivisione del viaggio», un servizio offerto da BlaBlaCar.it, il sito che conta circa tre milioni di utenti in tutta Europa, esperto nella condivisione di posti in auto, leader di mercato in Francia, Spagna, Regno Unito, Italia, Polonia, Benelux e Portogallo.
In Italia, BlaBlaCar.it gestisce ormai oltre l’ottanta per cento degli annunci di ride sharing e conta circa 200 mila utenti. Complice la crisi, sono molti i siciliani che rinunciano a destinazioni esotiche e decidono invece di spostarsi in auto verso le località di villeggiatura dello Stivale.
Su BlaBlaCar.it, infatti, è boom di richieste di condivisione. «Le offerte di passaggio sono triplicate rispetto all'estate 2012, e la lunghezza delle tratte è cresciuta del 50 per cento rispetto al resto dell'anno – spiega Olivier Bremer, country manager per l’Italia di Blablacar –. Per ferragosto, inoltre, sono state tantissime le richieste di coloro i quali sono partiti in giro per l’Italia, o tornare nella terra natia per visitare la propria famiglia».
E sembra essere una prerogativa propria dei siciliani tornare nella terra d’origine. «Abbiamo registrato tantissime richieste da parte di passeggeri siciliani che lavorano nel nord Italia e che approfittano delle vacanze per ritornare in Sicilia dai parenti – continua il manager -. Dopo Lecce e Bari, infatti, la seconda regione verso la quale si viaggia quest'estate è la Sicilia, con Messina, Palermo, Catania ed Enna in testa». Sempre più persone scelgono quindi di offrire o cercare un passaggio come nuova modalità di viaggio anti crisi. Iscrivendosi gratuitamente sul sito o sull'app di BlaBlaCar è possibile inserire la città di partenza e la destinazione: in pochi istanti compariranno tutte le offerte di posti in auto inserite dagli utenti iscritti alla community con relativi prezzi e informazioni aggiuntive quali i feedback ricevuti dal conducente, la disponibilità a trasportare animali e il «livello di chiacchiera».
Una volta individuata l'offerta più adatta alle proprie esigenze, è possibile mettersi in contatto con il conducente e darsi appuntamento per iniziare il viaggio in compagnia.
I prezzi si aggirano attorno ai cinque centesimi a chilometro (ad esempio, Milano-Palermo costa in media sessanta euro, mentre Milano-Roma, trenta), un netto risparmio, quindi, rispetto a qualsiasi alternativa di viaggio, sia essa treno, aereo o mezzi pubblici.
E la sicurezza? «È importante, per noi, dare la possibilità ai nostri clienti di viaggiare in estrema sicurezza – continua Bremer –. Chi viaggia con BlaBlacar, di solito, sono ragazzi dai 20/25 anni fino ai 30/35, i quali preferiscono condividere un lungo viaggio in compagnia, parlando e risparmiando, dividendo le spese di viaggio». Secondo i dati elaborati da Blablacar.it, se ogni persona in partenza condividesse un posto a bordo della sua auto, il numero dei veicoli circolanti potrebbe diminuire di oltre sei milioni, con benefici sulla qualità dell'aria e sulla mobilità autostradale. Anche il risparmio di carburante sarebbe notevole: con questa soluzione si potrebbero risparmiare ben 400 milioni di euro, e le emissioni di Co2 si ridurrebbero di ben 450 mila tonnellate in un solo fine settimana. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati