La Provincia vuole risparmiare Chiude il «Bellini» a Mazzarino

MAZZARINO. La Provincia chiude gli uffici decentrati. Nell'ottica di un piano generale di riorganizzazione e di risparmi, da lunedì sarà chiusa la sede distaccata dell'Istituto Musicale "Vincenzo Bellini" e degli uffici facenti capo al settore servizi sociali e culturali dell'ente. IL provvedimento di chiusura è datato 25 giugno ed è contenuto in una determinazione adottata dal commissario straordinario Raffaele Sirico chiamato a gestire le risorse umane e finanziarie di un ente ormai prossimo allo smantellamento. Il provvedimento scaturisce essenzialmente dalle drastiche riduzioni nei trasferimenti regionali e statali. Misure correttive finalizzate al contenimento della spesa per il corrente esercizio finanziario e fra queste, appunto, della chiusura degli uffici di Mazzarino. Per gli studenti che frequentano l'Istituto "Bellini" i disagi saranno notevoli dovendo, per qualsiasi incombenza legata alla frequenza dei corsi, obbligatoriamente fare ricorso agli uffici del capoluogo in corso Umberto.Le tre unità in servizio a Mazzarino, a partire dal 2 settembre cominceranno a prestare la loro opera nel capoluogo all'ufficio Servizio Turismo (ex Aapit) di corso Vittorio Emanuele nelle competenze relative alla promozione turistica, ai distretti turistici, alle Pro Loco dei vari comuni e nei compiti inerenti alla statistica. L'impatto che potrà avere sul territorio l'abolizione delle province si potrà valutare compiutamente ad inizio di anno scolastico. Alla Provincia nel solo capoluogo spetta la manutenzione ordinaria e straordinaria di dieci istituti superiori, oltre a quelli di Gela e delle sedi distaccate di Mussomeli, Mazzarino, Riesi, Niscemi. Non è stato ancora stabilito a chi passerà la competenza. S.G.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati