Forte tensione a Pian del Lago, immigranti occupano la strada

CALTANISSETTA. Tensione alle stelle all'esterno del centro d'accoglienza di Pian del Lago. Una trentina di extracomunitari ospiti del Cara ieri mattina ha "occupato" simbolicamente un tratto di provinciale 5 per Delia. Una protesta civile che ha però obbligato polizia e vigili urbani a chiudere la strada per lungo tempo con il traffico deviato all'altezza del bivio Minichelli. Non è la prima volta che gli immigrati del Cara (centro accoglienza richiedenti asilo) mettono in atto proteste simili. Quella di ieri mattina è già la terza nell'arco di un mese, in settimana alcuni di loro si erano messi a bivaccare a poche distanza della linea ferrata rallentando il traffico ferroviario. Ieri, eritrei e somali, sono tornati per strada. Protestano per sollecitare l'arrivo in città della commissione territoriale di Siracusa chiamata a valutare i requisiti per il rilascio dei permessi di soggiorno o per il riconoscimento dello status di rifugiati per motivi politici e umanitari. La commissione, però, è impegnata su altri fronti (a Mineo in provincia di Catania, prevalentemente) dove sono stati trasferiti centinaia di profughi sbarcati recentemente sulle coste dell'isola. I ritardi hanno spinto i trenta stranieri ad inscenare l'ennesimo sit-in che ha mandato in tilt la circolazione autoveicolare nella parte sud della città. IL Cara, in questo momento, è al massimo della capienza con 450 presenza mentre altri ottanta immigrati che non hanno trovato ospitalità all'interno del centro bivaccano all'interno del campetto di calcio "Pian del Lago 2".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati