Anche i grandi classici in versione mini

PALERMO. Colori, comodità e design. Tutto in versione small, ma rigorosamente firmato. Ecco la nuova tendenza per il mondo dei più piccoli. Sedie e poltroncine con finiture e lineamenti che non hanno nulla da invidiare a quelli degli adulti, ovviamente nella versione mini.
Pezzi cult della storia del design riproposte in chiave baby per un'iride di colori accattivanti e che soddisfino anche i bimbi più esigenti. Un esempio? La Eames Elephant disegnata nel lontano 1945 dal duo Charles & Ray Eames e che a 50 anni dalla sua invenzione, con tanto di proboscide e di grandi orecchie, continua ad essere apprezzata da grandi e piccini. Come non può mancare la versione baby della Lou Lou Ghost di Kartell, per un design Philippe Starck, ispirata a re Luigi XV, con forme classiche ma con un materiale ergonomico e moderno; o la Barcelona Chair, creata da Mies Van Der Rohe, riproposta da Knoll. E ancora carte da parati tutte da scoprire, colorare e vivere per un «wallpaper» tessuto non tessuto, in plastica o in polpa di legno con aggiunta di fibre tessili.
Una stanza piena di avventure e di scoperte per catturare la fantasia dei piccoli: scrivanie a forma di case con le stesse sagome immaginate dai bambini, con tanto di tetto e di comignolo, o il letto-cabanne, tutto in legno evocante quello dei film di avventura. Librerie a forma di orso per un design dei francesi Benoît Convers e Rachel Convers e ancora tetti aguzzi e torri merlate per l'armadio a forma di città disegnato dalla olandese Marie-Louise Groot Kormelink, ideato pensandolo proprio per i suoi figli e che rievoca la città di Amsterdam. R. Vec.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati