Scegliere i migliori meloni: occhio (e mani) alla buccia

Nonostante la scorza che potrebbe trarre in inganno e fare sembrare tutti i meloni e le angurie uguali, esistono dei piccoli trucchi per scegliere i prodotti migliori e non avere brutte sorprese al momento del taglio.
Per quanto riguarda la scelta del melone, bisogna bussare leggermente sulla sua buccia con la mano stretta in un pugno. Se il risultato sarà un suono sordo, allora significa che il melone è maturo. Al contrario, vanno evitati tutti quelli che emettono un rimbombo vuoto e il cui profumo non è dolce.
Per scovare l'anguria perfetta, invece, il consiglio principale è di controllarne sempre l’aspetto esterno: il frutto deve essere consistente, simmetrico e privo di ammaccature o «cicatrici».
È necessario inoltre pesarlo, perché i cocomeri maturi sono quelli con più acqua e quindi più pesanti. Tra gli altri suggerimenti da tenere a mente, ce n’è ancora uno semplicissimo: cercare il punto in cui l’anguria poggiava sul terreno durante la maturazione.
Per avere la certezza che il frutto sia maturo, infatti, questa parte deve essere di un colore giallo crema, se è bianca o verdastra probabilmente l'anguria è stata raccolta troppo presto e dunque non è ancora pronta per essere mangiata.


P. Pi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati