Sicilia, Cronaca

Muos, comitati querelano Crocetta per affermazioni su mafia

PALERMO. L'avvocato Goffredo D'Antona, del Foro di Catania, ha depositato stamane la querela contro il presidente della Regione siciliana, per il reato di diffamazione aggravata. I fatti si riferiscono alle affermazioni rese da Crocetta nei giorni scorsi al giornale on line ''La voce'' di New York, e ribadite su ''Repubblica'', relative a infiltrazioni mafiose nel movimento No Muos.     La denuncia parte da semplici cittadini, giornalisti, professori universitari, componenti di associazioni antimafia, avvocati, artisti che si sono attivati contro l'installazione delle antenne radar della Marina militare Usa a Niscemi, in provincia di Caltanissetta.


CROCETTA: "REVOCATI GLI APPALTI DI QUALCHE IMPRESA MAFIOSA" - «Se qualcuno vuole speculare  politicamente, può darsi che non sappia che qualche imprenditore  in odor di mafia, a cui sono stati revocati appalti, sta dentro  la protesta, sicuramente per finalità diverse, all'interno di un  movimento democratico, antimafia e pacifista». L'ha detto il  presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, in merito  alle questioni del Muos, dopo che nei giorni scorsi aveva  parlato di infiltrazioni mafiose nel movimento che protesta  contro l'installazione delle antenne radar della Marina militare  Usa a Niscemi.     Il governatore ha ribadito in aula che la decisione  amministrativa di revocare il blocco dei lavori «era  obbligatoria» e di non avere «mai sostenuto che l'intero  movimento è mafioso».  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati