Sicilia, Qui Palermo

Buona la prima contro la Cremonese: vittoria per 2 a 1

PALERMO. Buona la prima di Gattuso e del suo Palermo, che nel secondo turno di coppa Italia riesce a battere la Cremonese per 2 a 1. Partita giocata bene e dominata dai rosanero, tranne nel finale, dove i padroni di casa (si giocava al Renzo Barbera) rischiano addirittura di farsi clamorosamente rimontare, quando Abbruscato ha accorciato le distanze. Rosanero in vantaggio al 16' del primo tempo con Lafferty, raddoppio di Pisano al 15' del secondo tempo.  Espulso il difensore della squadra lombarda Antonio Caracciolo.


Il tecnico si affida  al modulo su cui ha lavorato in ritiro, ovvero il 4-2-3-1 con  Sorrentino in porta; Pisano, Andelkovic, Terzi e Daprelà in  difesa; il duo Bolzoni-Ngoyi a centrocampo e il tridente Lores  Varela-Dybala e Stevanovic a supporto della punta centrale  Laferty. Torrente, che non ha portato in Sicilia Sales e il nuovo  acquisto Bergamelli e senza gli infortunati Moi e Minelli risponde  con il 4-3-3 con l'esperto Bremec in porta; Avogadri, Giorgi,  Caracciolo e Visconti in difesa; Armellino, Loviso e Palermo a  centrocampo, quindi Abbruscato a fare da terminale offensivo con  Casoli e Carlini sugli esterni. Il Palermo fa la partita, in campo  si vede l'impronta del tecnico, anche se i meccanismi sono ancora  da oliare. La Cremonese bada a limitare le giocate dei rosanero, tentando  solo raramente l'iniziativa. Il Palermo va a segno dopo 16',  praticamente al primo tiro verso lo specchio della porta  avversaria: Lafferty supera Bremec con un preciso diagonale di  destro in area sul secondo palo.


Nella ripresa al 7'  entra tra gli applausi e le ovazioni Abel Hernandez, nel mirino di  parecchi club di serie A; a lasciargli il posto è Lafferty.  All'11' miracolo di Bremec che toglie a Lores Valera la gioia del  gol su conclusione ravvicinata. Al 16' il Palermo raddoppia:  punizione di Stevanovic e palla a Pisano che, appostato sul  secondo palo, infila Bremec. Al 31' la Cremonese accorcia le distanze su calcio di  rigore trasformato da Abbruscato e concesso per un fallo di  Bolzoni su Palermo dopo un errore in area. Il Palermo subisce il  colpo e appare stanco; nei minuti finali meglio i grigiorossi che  colpiscono anche il palo con Palermo, ma si chiude tra gli  applausi e i cori «Torneremo in serie A».  La strada è ancora lunghissima, ma la speranza è quella.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati