Imu per la prima casa, pubblicata le top 10 delle città italiane

Siena la città più tassata. Tra le città in cui l'Imu è meno cara ci sono anche Enna e Caltanissetta

ROMA. Una tabella con i 10 capoluoghi dove l'Imu per abitazione principale versata nel 2012 dai contribuenti costa di più e i 10 dove costa di meno. È lo studio dell'ex senatore Marco Stradiotto, che cita dati del Ministero dell'economia. Ai senesi l'Imu costa davvero cara: nel capoluogo toscano, infatti, l'imposta complessiva supera i 900 euro per abitante e solo per la prima casa ammonta a 239 euro, in entrambi i casi il livello più alto della penisola. Per la prima abitazione i senesi pagano venti volte di più di quanto pagano i crotonesi, appena 10 euro. È quanto emerge da uno studio dell'ex senatore Marco Stradiotto, esperto in federalismo fiscale, che analizza l'imposta sugli immobili 2012 nei capoluoghi di provincia.    Nel podio dei capoluoghi più cari, accanto a Siena salgono Milano (complessivi 856,89 euro) e Roma (810,61 euro) e nella top ten ci sono solo città del Centro-Nord. Agli ultimi posti della classifica, invece, Iglesias dove l'importo totale versato per abitante è di 163,22 euro, circa 5 volte in meno rispetto alla tassa senese. Tra i capoluoghi con gli importi più contenuti altre due città del Sud Italia, Crotone (164,51 euro) e Lanusei (182,10 euro). Guardando all'Imu sulla prima casa, Siena si conferma il capoluogo più caro (239,63 euro), seguita da Roma (216,26 euro) e Torino (196,12 euro). Tra i 10 capoluoghi più cari ci sono tutte città del centro-nord, con l'eccezione di Cagliari e Caserta. E in trenta capoluoghi della Penisola l'Imu per la prima abitazione costa più di 100 euro per abitante. Non si possono invece lamentare gli abitanti di Crotone, dove l'Imu costa più o meno quanto un libro: 10,95 euro. Tra i capoluoghi con la tassa sull'abitazione più bassa, molte città del Sud, tra cui Sanluri (20,32 euro), Caltanisetta (21,91 euro), Villacidro (22,42 euro) ed Enna (23,08 euro). Dallo studio emerge inoltre che il costo del passaggio dall'Ici all'Imu sulla prima casa è stato molto salato per i cittadini di Taranto, dove l'imposta ha subito un incremento del 78,53% (a 56,85 euro nel 2012). Tra le città con i maggiori aumenti seguono Ancona (+54% a 133,63 euro) e soprattutto Siena (+53%), dove si paga l'Imu prima casa più cara della penisola (239,63 euro). Il passaggio è stato più vantaggioso invece per Crotone, che registra il decremento maggiore tra Ici pro capite prima casa e Imu pro capite (-67,82%), oltre ad avere il record per l'Imu prima casa più bassa d'Italia (10,95 euro); seguono Cuneo (-48,89% a 39,18 euro) e Pesaro (-38,55% a 41,29 euro). «L'Imu contiene due errori di fondo e un vizio iniziale che l'hanno trasformata in un'imposta ancora più iniqua della vecchia Ici», evidenzia lo studio, puntando il dito contro il fatto che un'imposta comunale è stata trasformata in un'imposta mista e che è stato creato un «mix perverso fra rendite catastali squilibrate, coefficienti moltiplicatori e detrazioni uguali per tutti». «La nostra speranza - conclude lo studio - è che il legislatore eviti di prendere sia l'ipotesi dell'aumento delle detrazioni e sia l'ipotesi di legare l'Imu al reddito, in entrambi i casi si rischierebbe di moltiplicare le iniquità e le ingiustizie».  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati