Legge per i debiti con le imprese, Ardizzone: no a rinvii

Crocetta chiede più tempo per scongiurare l’aumento dell’Irpef. Nuova frattura nella maggioranza, dopo il Pd pure i Drs si dicono contrari

PALERMO. Rosario Crocetta chiede più tempo, mentre nella maggioranza va in scena il tutti contro tutti sulla legge che dovrebbe aumentare l’Irpef per trovare i fondi con cui saldare i debiti con le imprese. E allora è il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, a rompere gli indugi: «La norma andrà in aula entro dieci giorni, così come era stato deciso nella riunione fra i capigruppo e l’assessore all’Economia Luca Bianchi».
Di fronte alle polemiche della maggioranza, col Pd pronto a non votare la legge, Crocetta ha però chiesto a Roma di cambiare il testo provocando l’irritazione dello stesso Bianchi. E da ieri un altro pezzo della maggioranza, i Drs di Totò Cardinale, è di traverso: «Scongiurare l'aumento dell'Irpef».
UN SERIVIZIO NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati