Tassisti a Palermo, il loro legale: "Grottesche le tesi del Comune"

PALERMO. «Il Comune di Palermo risponde alla richiesta giudiziaria avanzata dalla categoria dei tassisti addebitando loro, come si evince da notizie di stampa pubblicate ieri, una serie di futili inadempienze. Tra le varie contestazioni vi è anche quella 'di avere diminuito, in talune circostanze, le tariffe. Una tale contestazione può servire solo a dimostrare lo stato di disperazione della categoria. Ribadisco che tutto ciò sa di grottesco, come in una squallida commedia all'italiana». Lo dice l'avvocato Venessa Fallica, nel collegio di difesa dei tassisti di Palermo. I legali chiedono al Tar l'annullamento della delibera del Consiglio comunale dello scorso 13 giugno che estende alle moto Ape il servizio taxi e hanno anche presentato un'azione risarcitoria di 32 milioni di euro (100 mila per ognuno dei 320 tassisti).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati