Sicilia, Politica

In Sicilia la prima legge "Grillina": si tratta dell'albergo diffuso

PALERMO. Si chiama 'Albergo diffusò, è  stato approvato all'unanimità dall'assemblea regionale della  Sicilia  ed è la prima legge a firma Movimento 5stelle ad  essere approvata in Italia.     «Dopo le importanti norme inserite nella legge di stabilità,  quali le royalties petrolifere, le tariffe sulle acque minerali  e il microcredito» questa, esultano i 14 parlamentari regionali  dei 5stelle, «è anche la prima legge di iniziativa parlamentare  di questa legislatura», prima firmataria Claudia La Rocca.     La legge punta a dislocare gli alloggi per i turisti nelle  abitazioni del centro storico e dei borghi marinari e rurali,  garantendo a pochi metri da essi la presenza di locali adibiti a  spazi comuni per gli ospiti (ricevimento, sale comuni, bar,  punto ristoro).     «Questa legge - afferma Giampiero Trizzino, presidente della  commissione Ambiente - non è importante solo perchè norma  l'albergo diffuso, ma perchè il riconoscimento giuridico di  questo istituto consente di attingere ai fondi europei, cosa sui  cui focalizzeremo la nostra attenzione». Per il capogruppo M5S  Giancarlo Cancelleri «servirà a far ripartire l'economia anche  nelle piccole realtà che, grazie a questa legge, potranno  dotarsi di veri e propri impianti di ricezione senza però dover  spendere enormi capitali per la costruzione di mastodontici  hotel». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati