Sicilia, Politica

Caso Seus, Crocetta: "Ci sono 160 dipendenti pagati per stare a casa"

La denuncia del presidente della Regione, in questo momento in conferenza stampa: "Si continuano a scoprire furti al sistema pubblico". La diretta da palazzo d'Orleans su www.gds.it

PALERMO. Il presidente ironizza sulla imminente riunione del Pd nazionale: "Sono trepidante". Poi aggiunge: "Un caso surreale. Io continuo a parlare dei problemi dei cittadini".
E lo fa nel corso di una conferenza stampa programmata alle 15 a palazzo d'Orleans, facendo riferiento al caso di di Villa Santa Teresa (ex clinica di Aiello) per cui e' arrivato il provvedimento di confisca del bene: "Ora - dice Crocetta - dobbiamo trovare una destinazione a questo bene. La clinica sia destinata al sistema sanitario pubblico. No a forme di privatizzazione pericolose che aprono a infiltrazioni mafiose".
Questa clinica, secondo il governatore, va destinata ai cittadini: "Impedire che la mafia si infili nelle aste. E tutelare il personale. Sono convinto che Alfano e il prefetto sosterranno questo piano".

Per Crocetta "si continuano a scoprire furti al sistema pubblico. Sottratte risorse che permetterebbero di aggiustare il bilancio". Il presidente rivela che "scaduti i vecchi amministratori della Seus, i nostri funzionari hanno scoperto cose che stiamo segnalando a Procura della Corte dei conti e alla Procura antimafia. Ci sono 160 dipendenti pagati per stare a casa e costati 9 milioni fra il 2011 e il 2012. Mentre questi stavano a casa la Seus ha pagato straordinari per 156 mila ore. Inoltre molti dipendenti hanno un anno di ferie arretrate".

Crocetta: "Alla Seus ferie non godute per 264 mila ore. A chi restava a casa anche 900 euro l'uno di premio di produzione". Il presidente ha aggiunto: "I vecchi vertici approvavano anche le procedure di gara mescolando il ruolo di controllore e controllato. Potevamo utilizzare questo personale per tagliare appalti esterni delle Asp affidati senza gara, come nel caso del trasporto emodializzati. Si sono spesi cosi 20 milioni all'anno per appalti esterni che potevamo evitare. La verita' e' che qui il furto e' la prassi".

L'assessore Lucia Borsellino: "Il 118 ci costa ogni anno circa 110 milioni. Noi abbiamo gia' tagliato 3 milioni di consulenze. Le sole ferie non godute hanno determinato una perdita di 3 milioni". Il problema rivelato dal governo e' quello di esuberi di centinaia di lavoratori: "Ora bisogna dare omogeneita' di personale a tutti i territori per evitare di dare straordinari dove c'e' poco personale e di lasciare a casa dipendenti dove ce ne sono in eccesso" ha aggiunto la Borsellino annunciando un riordino del personale.

"Mi sarei aspettato una telefonata da Epifani, almeno per dimostrarmi vicinanza. Invece niente, l'ultima volta l'ho sentito molti giorni fa». Così il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, ha risposto ai cronisti a Palazzo d'Orleans, in merito alla procedura aperta dalla commissione dei Garanti del Pd dopo un esposto contro la doppia militanza tra i democratici e il movimento il Megafono.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati