Contro la crisi, ecco il baratto: nasce un sito a Santa Caterina

Tutto ciò che non si usa più potrà essere scambiato in rete

SANTA CATERINA. Un tavolo o una vecchia lavatrice, un libro o un vestito ancora in buone condizioni e che non usiamo più? Oggi c’è un modo per evitare di gettarli via o di lasciarli ammuffire in cantina: si chiama «Basta ca tu veni a pigli» ed è la nuova originale iniziativa lanciata dai componenti dell’associazione culturale Officina 93018. Attraverso una pagina web, chiunque (anche non residente a Santa Caterina) potrà pubblicare foto e descrizione degli oggetti ormai inutilizzati, di cui vuol disfarsi e che potrebbero far comodo ad altri. Naturalmente si tratterà di una donazione assolutamente gratuita e chi vorrà beneficiarne potrà farlo a una sola condizione: che vada a prendere l’oggetto o l’accessorio in questione direttamente dal proprietario. Nessun altro onere. «Si può dare una seconda vita a qualsiasi cosa – scrivono i componenti di Officina 93018 - dal libro alla vecchia lavatrice, dalla tv al vestito che non piace più. Regalare questi oggetti è anzitutto ecologico perché si può far durare più a lungo qualcosa che altrimenti diventerebbe un rifiuto. È inoltre pratico, perché aiuta a fare spazio in casa ed è infine utile, perché può aiutare qualcuno che stava cercando proprio quella cosa che a noi non serve più». Per mettere a disposizione i propri oggetti basterà accedere alla pagina www.officina93018.wordpress.com e lì pubblicare immagini e dettagli degli oggetti. «Oltre alla logica del riciclo e del riuso – specifica Dario Giancani, di Officina 93018 - dietro questa iniziativa c’è anche la voglia di favorire la socializzazione, poiché oltre alla beneficienza, queste donazioni consentiranno anche di allacciare dei sani e sinceri rapporti interpersonali».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati