Province, addio in Sicilia: oggi è l’ultimo giorno

PALERMO. Addio vecchie Province in Sicilia. Oggi è l'ultimo giorno per presidenti, assessori e consiglieri provinciali; da domani gli enti entreranno in una fase di transizione che dovrebbe approdare, non appena l'Assemblea siciliana approverà il disegno di legge ancora in fase di definizione da parte del governo Crocetta, alla nascita dei "liberi Consorzi" tra comuni, in base a quanto stabilisce lo statuto speciale della Regione. Non ci saranno più elezioni e saranno gli amministratori dei Comuni a fare parte dei Consorzi, il cui numero e le cui funzioni sono ancora da definire.
Sono 335 gli eletti nelle nove Province che oggi lasceranno sedi e uffici, in base a quanto disposto da una circolare  dell'assessore alle Autonomie locali, Patrizia Valenti, che ha fissato la scadenza degli organi elettivi in corrispondenza del termine del mandato quinquennale. Secondo le stime del governo l'abolizione degli organi elettivi comporterà un risparmio per le casse pubbliche di circa 50 milioni di euro.
Intanto, la giunta Crocetta si appresta a nominare i commissari prefettizi (a Catania, Ragusa, Trapani e Caltanissetta sono già insediati) che gestiranno gli enti fino alla creazione dei 'liberi Consorzi', che, in base alla norma di scioglimento delle Province, dovranno essere istituiti entro il 31 dicembre di quest'anno.
Il passaggio non è semplice. Il problema principale riguarda, il personale degli enti. Secondo l'Unione delle Province regionali (Urps), sarebbero a rischio gli stipendi, a partire da luglio. Nelle casse delle Province mancherebbero circa 80 milioni di euro, a causa dei tagli nei trasferimenti da parte dello Stato e della Regione. Il governo regionale sta definendo una manovra di assestamento del bilancio, tenendo invariato comunque i saldi. Della questione, il governatore Rosario Crocetta ne ha discusso l'altro ieri con il premier Enrico Letta. "Il personale stia tranquillo, non si perderà un solo posto di lavoro", assicura il presidente della Regione. Un comitato dei saggi sta intanto lavorando al nuovo testo di legge per la creazione dei liberi Consorzi. "Spero sia pronto al più presto e l'Assemblea lo approvi entro i termini che ci siamo dati", aggiunge Crocetta.
L'allarme legato alla carenza di fondi potrebbe avere ripercussioni anche su alcune attività gestite dagli enti, a cominciare dalle scuole. Una boccata d'ossigeno è arrivata in extremis con la firma dell'accordo tra Regione e Province sul patto di stabilità verticale. La Regione ha ceduto spazi finanziari alle Province per 57 milioni di euro, distribuiti ai nove enti.
A Palermo vanno 13 milioni, seguono Catania con 11,8 milioni, Messina con 6,1 milioni, Siracusa con 5,6 milioni, Ragusa con 5,2 milioni, Trapani con 4,4 mln, Enna con 3,3 milioni e Caltanissetta con 2,8 milioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati