In Sicilia brinda il centrosinistra

PALERMO. Anche in Sicilia le urne premiano il centrosinistra, vittorioso al primo turno a Catania e forse a Messina ed è in vantaggio anche negli altri due capoluoghi di provincia al voto, Siracusa e Ragusa. Arrancano invece il Pdl e tutto il centrodestra, che rischia di perdere i  quattro capoluoghi di provincia governati da anni. Non sfonda il Movimento Cinquestelle, che va al ballottaggio a Ragusa, ma che resta fuori dal consiglio di Catania: proprio nella città etnea il M5S alle regionale aveva ottenuto circa il 16% dei consensi. Alto l'astensionismo: oltre mezzo milione di elettori su un totale di un milione e 600 mila ha disertato le urne. Esulta il presidente della Regione siciliana, ispiratore del movimento il Megafono, Rosario Crocetta: «Il  voto rafforza l'azione del mio governo e smentisce chi aveva detto che avremmo fatto perdere il centrosinistra», dice. E  avverte: «Penso che si dovrà arrivare a una federazione col Pd, per fare un nuovo modo di fare partito: non quello del secolo scorso, ma quello che si contamina con i movimenti». Canta vittoria anche il segretario siciliano del Pd, Giuseppe Lupo: «Siamo primi in tutte e quattro le città siciliane importanti, sono cifre più che positive che premiano il Pd».   

A rilento lo spoglio: acreare confusione tra i presidenti di seggio anche la doppia preferenza  di genere, introdotta proprio in questa tornata elettorale.    

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati