Sicilia, Economia

Bankitalia: "Sicilia sempre più in crisi, bruciati 2 miliardi"

PALERMO. La Sicilia sprofonda in una crisi  sempre più nera. E si mette alle spalle un 2012 orribile.   Tutti gli indicatori sono di segno negativo: Pil, occupazione,  produzione industriale, servizi, prestiti a famiglie e imprese,  compravendite immobiliari e persino la quota di indebitamento  che finora è stato volano per i consumi, ormai al palo. L'isola  fa spesso peggio delle altre regioni d'Italia. Si salvano  soltanto l'export e il turismo (gli unici con segno positivo),  ma perchè trainati dalla domanda estera, quella interna,  invece, va a picco e consegna un panorama disastroso. A fornire  questo quadro drammatico è la Banca d'Italia nel suo rapporto  sull«Economia in Sicilià, presentato dal direttore della  filiale di Palermo, Giuseppe Arrica.     

 In un anno sono stati bruciati oltre 2 miliardi di euro di  Pil, con un calo del 2,7%; flessione che aggrava i risultati  negativi del 2011, quando la crisi aveva provocato la perdita di  1,1 miliardo di euro (-1,3% di Pil). Il valore aggiunto  nell'industria in senso stretto si è ridotto del 4,2%, con un  calo nel quinquiennio 2008-2012 addirittura del 20%; il grado di  utilizzo degli impianti è sceso del 2,4%, mentre il fatturato,  secondo una indagine di Bankitalia condotta tra marzo e aprile  di quest'anno su un campione di imprese industriali con almeno  20 addetti è diminuito dello 0,9% in termini nominali; gli  investimenti si sono ridotti del 6,2%.     Fa peggio il settore delle costruzioni, con un calo di valore  aggiunto del 7,9%, il 10% in meno di occupati e il 16,1% in meno  di ore lavorate. In diminuzione del 16,9% il valore complessivo  delle gare per le opere pubbliche, il cui numero si è ridotto  del 2,3%. Valore aggiunto con segno negativo anche nei  'servizì: -1,9%. Crolla del 13,7% la spesa delle famiglie per i  beni durevoli, in particolare per auto, motoveicoli,  elettrodomestici e mobili.

Un pò meglio l'agricoltura: +4,1% la  produzione di cereali, +5,2% il raccolto di frumento, +4,8% di  coltivazione di ortaggi; in riduzione invece la produzione di  pomodori (-2,8%) e di agrumi (-8,3%). Bene la produzione di  vino, +48,4%.      Segnali positivi, anche se in rallentamento in confronto al  2011, giungono dal turismo e dall'export. Gli arrivi di turisti  stranieri sono aumentati del 2,8% anche se in misura ridotta  rispetto all'anno precedente (5,4%), in rialzo anche i  pernottamenti (+1,4%) ma con un ritmo inferiore al 2011 (+3,9%);  la spesa degli stranieri è cresciuta del 21,8% (5,6% nel 2011);  in diminuzione, invece, i turisti italiani: -2,6%. Performance  migliori per le esportazioni delle merci, +21,2% (16% nel 2011)  grazie al traino dei prodotti petroliferi, la cui vendita  all'estero è aumentata del 26,1%.  

PERSI 38 MILA POSTI DI LAVORO - In Sicilia persi 38 mila posti di  lavoro nel 2012, con un calo dell'occupazione del 2,7% (dato in  flessione da sei anni) e in peggioramento rispetto all'anno  precedente (-0,5%). Situazione drammatica per i giovani: - 6,9%  di occupati nella fascia tra i 15 e 34 anni e addirittura -9,8%  fino a 24 anni. In totale gli occupati sono un milione e 394  mila. È quanto emerge dal rapporto della Banca d'Italia  sull'Economia in Sicilia, presentato oggi.     Al forte incremento delle persone in cerca di occupazione  (32,6%) nel 2012 si è accompagnata una crescita delle forze di  lavoro del 2,4%; il tasso di attività così è salito, dopo sei  anni di contrazioni consecutive, di 1.3 punti, al 50,8%.     L'espansione dell'offerta di lavoro si è riflessa in un  aumento del tasso di disoccupazione di 4.2 punti, attestantosi a  quota 18,6% e con un picco nel quarto trimestre del 2012 del  19,2%; si tratta di un dato superiore alla media del Sud (17,2%)  e a quella nazionale (10,7%). I più in difficoltà sono sempre  i giovani tra i 15 e i 24 anni: uno su due senza lavoro; il  tasso di disoccupazione di questa fascia d'età ha raggiunto il  51,3% rispetto al 35,3% della media nazionale.     Anche le retribuzioni dei lavoratori dipendenti risultano tra  le più basse d'Italia, pari a 1.159 euro rispetto ai 1.254 euro  della media Paese. Raddoppiato il ricorso agli ammortizzatori  sociali: +37,8% di ore autorizzate contro il 18,5% del 2011. La  cassa integrazione in deroga è stata concessa a circa 12 mila  lavoratori, tre mila in più del 2011. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati