Un progetto per «salvare» tutte le specie a rischio

«Pescatori e delfini: interazione sostenibile». Un progetto per tutelare e salvaguardare dalla caccia le specie marine protette, come delfini, stenelle e non ultime, le foche monache. Si tratta di un avviso pubblico, finanziato in parte dall'Area Marina Protetta Isole Egadi e in parte dal Comune di Favignana e rivolto alle imprese di pesca residenti nelle Isole Egadi,che potranno ricevere contributi al fine di recuperare le reti danneggiate dai cetacei. Il finanziamento sarà concesso solo a quei pescatori che dimostrino, con ricevuta fiscale, l'acquisto di «nuove pezze di reti» conformi alle caratteristiche previste dal regolamento dell'Amp. Finalità del progetto sarà quello di fornire indennizzi ai pescatori ed evitare le pratiche di caccia di delfini o di altri mammiferi marini, specie protette e a rischio, ma percepite dai pescatori come pericoli per le loro attrezzature da lavoro. «Questo progetto -spiega il Direttore dell'Amp Stefano Donati -, non è una mera misura «assistenzialista», ma vuole indurre nei pescatori un atteggiamento benigno nei confronti dei delfini e delle altre specie protette che danneggiano le reti, tra cui anche la foca monaca, scongiurando sul nascere il rischio di comportamenti di ostilità nei confronti di questi animali. L'AMP tutela le specie protette, ma anche i pescatori locali, che rappresentano un elemento irrinunciabile di presidio del territorio e del mare delle Egadi».


A. S.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati