Processo Ruby: pm chiede 7 anni per Mora, Fede e Minetti

MILANO. Sette anni di carcere sono stati chiesti oggi dalla Procura di Milano per Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti, imputati nel processo per il caso Ruby. A formulare la richiesta di pena è stato il procuratore aggiunto di Milano Pietro Forno al termine del suo intervento preceduto da quello del collega Antonio Sangermano. Il pm ha inoltre chiesto che i tre imputati siano condannati a una multa di 35 mila euro ciascuno. Le accuse sono di induzione e favoreggiamento della prostituzione anche minorile in quanto alle feste nella residenza milanese di Silvio Berlusconi partecipava, questa è l'ipotesi, anche Ruby quando era minorenne. Il procuratore aggiunto di Milano, Pietro Forno, ha chiesto l'interdizione perpetua dai pubblici uffici e da qualunque incarico nelle scuole o in servizi pubblici o privati che hanno a che fare con i minori, per Lele Mora, Emilio Fede e Nicole Minetti, imputati a Milano nel processo per il caso Ruby. Le serate ad Arcore erano delle «orge bacchiche». Il paragone è stato fatto dal procuratore aggiunto di Milano Piero Forno durante la sua requisitoria al processo Ruby a carico di Lele Mora, Emilio Fede e Nicole Minetti, imputati di favoreggiamento e induzione della prostituzione anche minorile. Forno ha parlato di «ambiente orgiastico» e nel descrivere le feste nella villa di Silvio Berlusconi le ha paragonate a una «orgia bacchica». La sentenza è attesa per il 12 luglio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati