Sicilia, Politica

Formazione, il Tar «boccia» 31 enti: restituiranno alla Regione sei milioni

Scatta il recupero dei contributi illegittimi erogati nel 2007: saranno trattenuti dai finanziamenti del 2013

PALERMO. Trentuno gli enti di Formazione che dovranno restituire subito alla Regione una somma che si aggira sui sei milioni e 200 mila euro. Soldi che, secondo la Corte dei Conti, sono stati percepiti illegittimamente nel 2007. L’assessore alla Formazione, Nelli Scilabra, aveva emanato i decreti per riscuotere i crediti vantati, ma le strutture avevano fatto ricorso. Adesso il Tribunale amministrativo regionale ha negato la sospensione del recupero delle somme, così come era stato richiesto tra gli altri dal Cefop. Con la sentenza depositata nei giorni scorsi, il Tar ha dato il via libera al recupero dei crediti. La dirigente generale del Lavoro, Anna Rosa Corsello, sta accelerando l’iter. Ha convocato per oggi gli enti presso la sede di via Imperatore Federico a Palermo, per comunicare la decisione del governo: in sostanza le somme che spettano alla Regione saranno trattenute dai finanziamenti che spettano agli enti coinvolti. Nel mirino del governo c’è il secondo acconto dell’Avviso 20, il bando che finanzia i corsi di formazione con 286 milioni di euro di risorse comunitarie. La vicenda riguarda tutta una serie di integrazioni ai finanziamenti stanziati agli enti nel 2007. La Corte dei Conti ha ritenuto queste somme illegittime e ha condannato anche l’ex assessore alla Formazione, Mario Centorrino e quattro dirigenti che avevano approvato all’epoca questi soldi.



Diverse le sigle coinvolte. L’ANFE REGIONALE dovrà restituire circa due milioni e 185 mila euro. L’ISSTREF 52 mila euro, il CONSORZIO E-LABORANDO 81.858 euro, il MAC 45 mila, l’ENFAGA 143.500 euro circa, l’ANFE di Catania poco più di 21 mila euro, l’ARAM un milione di euro, l’ANFE di Siracusa 11.800 euro, il CESIFOP 81.059 euro, l’IRIPA quasi 22 mila euro, il CFP SAN PANCRAZIO ONLUS 6.448 euro, l’AEGEE di Palermo 1.700 euro, l’INTEREFOP 63.825 euro, l’ECAP di Agrigento 129.163 euro, l’ECAP di Palermo 28.481, l’ENDO-FAP 12.986, l’IRSAP 75 mila euro, il CEFOP, in amministrazione straordinaria, un milione e mezzo, il CIOFPS-FP 205 mila euro, lo IAL 372 mila euro, la C&B SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE 31 mila euro. Ma in questo caso sono ancora c’è ancora tempo per il pagamento spontaneo delle somme. Stessa situazione per l’ECAP di Caltanissetta che deve ridare 4.768 euro, l’ASSOCIAZIONE NUOVO CAMMINO 8.450 euro. C’è invece chi ha già pagato spontaneamente: l’ASSOCIAZIONE ERIS 4 mila euro e l’ENAIP di Agrigento 4.889 euro. Tra le altre sigle che dovranno restituire somme ci sono l’ECOFORM CISAL (58.687 euro), il CAS ONLUS (37 mila euro), la CORMORANO FELIX (38.500 euro) e la GEOINFORMATICA (9.166 euro).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati