Senza stipendio da mesi, incrociano le braccia i netturbini di 13 comuni del Nisseno

Sicilia, Archivio

CALTANISSETTA. I dipendenti dell'Ato Cl1 che effettuano la raccolta dei rifiuti in tredici comuni della provincia di Caltanissetta, questa mattina, non hanno lavorato. Lo sciopero è stato indetto dalle tre sigle sindacali, Cgil, Cisl e Uil. I lavoratori non ricevono lo stipendio da due mesi. Il passaggio dagli Ato alle Srr e il regime transitorio di tassazione, dalla Tarsu alla Tares, ha reso ancora più drammatica la situazione finanziaria delle società d'ambito che non introiteranno i proventi, della riscossione delle bollette, destinati agli enti locali. I netturbini hanno sospeso la raccolta e dalle 10 alle 12 si raduneranno davanti alla Prefettura di Caltanissetta per protestare contro la paralisi del settore. Non aderiscono al sit in i netturbini del capoluogo perchè la gestione è in appalto ad una ditta esterna pagata direttamente dal sindaco Michele Campisi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati