Cremonese battuta 4 a 3, il Trapani è in serie B

CREMONA. Il Trapani entra oggi nella storia conquistando la sua prima promozione in serie B. I granata di Boscaglia con la vittoria per quattro a tre allo Zini di Cremona, di fronte a più di mille supporter granata giunti dalla Sicilia e da ogni parte d’Italia, hanno cancellato la delusione dello scorso torneo regalando alla città un traguardo tanto agognato. L’incontro a Cremona era nato male con i padroni di casa al 3’ in vantaggio con il centrale di difesa Minelli. Il Trapani non si perdeva d’animo e pareggiava dopo cinque minuti con “il falco” Mancosu che approfittava di una incertezza difensiva, superava il portiere e metteva dentro. Intanto il Lecce vinceva per uno a zero in trasferta sull’Albinoleffe.

La formazione granata passava al 21’ ancora con il formidabile Mancosu che con una splendida conclusione depositava la palla in rete. Le emozioni non mancavano perchè dopo sei minuti la Cremonese acciuffava il risultato di parità con Le Noci. Alla mezz’ora il Trapani faceva capire che non ci stava assolutamente e tornava in superiorità con una rete da incorniciare dopo un’azione Gambino-Daì-Abate che, bene appostato in  area, non concedeva possibilità al portiere e segnava. Il pari di casa non si faceva attendere e al 38’ lo siglava Nizzetto, dopo aver messo in difficoltà il difensore Filippi.  Per i granata si chiudeva il primo tempo con il fantasma dei playoff con il Lecce vincente a Bergamo ma si sa benissimo che le gare durano 90 minuti e la tifoseria sperava. Nella ripresa veniva subito annullato un gol al granata Pacilli per offside. Nel frattempo giungeva la bella notizia da Bergamo che l’Albinoleffe aveva raggiunto il pari col Lecce. In questo momento il Trapani poteva ritenersi promosso in serie B. Per regalare ancora palpitazioni ci pensava all’87’ una rete annullata alla Cremonese per fuorigioco. Intanto arrivava la notizia che, addirittura, il Lecce stava perdendo. Una motivazione in più per Mancosu, eroe della giornata, che chiudeva il discorso allo scadere, mettendo il sigillo ad una vittoria che ha rappresentato un campionato intero. Poi la grande festa per una formazione che ha perso solo quattro volte nell’intero campionato. Una promozione da applausi che porta la firma di un presidente come Vittorio Morace e della moglie Annemarie che l’hanno fortemente voluta dopo avere ben programmato e poi del tecnico, dei giocatori e del ds Faggiano che è stato utilissimo col suo lavoro. A Trapani l’intera città è in festa. Scene di grandissimo entusiasmo. Il calcio che conta adesso dovrà fare i conti con il “modello” Trapani. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati