Zamparini: "La serie B non è una tragedia"

Il presidente rosanero: "E' bello anche quando si perde, bisogna accettarlo. Quest'anno - aggiunge - ci danno 15 milioni di euro per le squadre che retrocedono come risarcimento"

Sicilia, Qui Palermo

ROMA. «Sono andato in serie B, ormai. È bello anche quando si perde, bisogna accettarlo». Il presidente del Palermo Maurizio Zamparini al microfono de "La Zanzara", su Radio 24, sembra rassegnato alla retrocessione, anche se la matematica ancora non condanna i rosanero.
«Quest'anno - dice Zamparini - ci danno 15 milioni di euro per le squadre che retrocedono come risarcimento. Alle volte ripartire dalla B vuol dire risanare la società. La B ci metterà a posto, si rivede il budget. Non è una tragedia».
«Gli arbitri - polemizza il patron - ci hanno tolto 4-5 punti. L'ambiente del calcio ce l'ha con me perchè dico quello che penso. In Italia nelle ultime partite ci sono intrallazzi. Per esempio, i tifosi del Torino e del Genoa si vergognano perchè mercoledì non hanno giocato a calcio».
«Ho fatto dieci anni a Palermo - dice ancora Zamparini - e stavolta retrocediamo. Ci sono delle annate così, la vita è fatta di alti e bassi, ci sono volte che un centravanti la prende col culo e fa gol e annate che il pallone va fuori. La mia è una squadra da 50-53 punti, ho fatto una sola cazzata: far fuori Sannino alle prime giornate. Ma stiamo già lavorando per l'anno prossimo, per risalire».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati