M5S, gelo tra Venturino e gli ex colleghi Cancelleri: "Non c'è più feeling"

Durante la seduta di oggi, solo qualche sguardo e nulla di più tra i deputati pentastellati e il vice presidente dell'Ars, espulso da Grillo per non avere rispettato l'impegno a riconsegnare parte della indennità. Intanto, per Venturino, si prospetta un passaggio al gruppo Misto

PALERMO. Gelo tra Antonio Venturino e i suoi ex colleghi parlamentari del gruppo Cinquestelle. Durante la seduta dell'Assemblea siciliana di questa mattina solo qualche sguardo e nulla di più tra i deputati pentastellati e il vice presidente dell'Ars, definito ieri «pezzo di merda» da Beppe Grillo che lo ha espulso per non avere rispettato l'impegno a riconsegnare parte della indennità, come prevede il regolamento del Movimento. Venturino si è tenuto a distanza dai banchi parlamentari dei grillini, molti dei quali sono ancora increduli per quanto accaduto. Fuori dall'aula i cinquestelle parlano a bassa voce col cronista, manifestando delusione e amarezza. «Non ci guardiamo più in faccia, è finita anche un'amicizia», afferma un deputato pentastellato. «Ha tirato fuori la storia della strategia politica solo perchè aveva reso i rapporti insanabili», rivela il parlamentare. «Noi al gruppo ci riuniamo ogni mercoledì - racconta - Venturino lo sa bene. E che fa? Gioca d'anticipo e rilascia quell'intervista dove parla di problemi politici, in realtà solo una scusa. Sapeva che dalla riunione sarebbe uscita una posizioe netta da parte del gruppo rispetto al fatto che non versava più parte della sua indennità. Per almeno un mese abbiamo tentato di convincerlo, ma lui ormai aveva deciso». Il deputato riferisce che la tensione tra Venturino e il resto del gruppo era arrivata al culmine durante la sessione di bilancio per la manovra finanziaria, approvata poi il primo maggio. «Tutti insieme abbiamo deciso di soprassedere sul caso Venturino fino all'approvazione della manovra per non appesantire una fase delicata - prosegue il deputato -. All'improvviso lui ha attaccato la nostra collega Gianina Ciancio su un provvedimento della finanziaria, a quel punto è uscito allo scoperto».

IL PORTAVOCE CANCELLIERI: "NON C'E' PIU' FEELING"
Il portavoce e capogruppo del M5S all'Assemblea siciliana, Giancarlo Cancelleri, prova a smorzare i toni: «Se incontro Venturino non ho alcun problema a salutarlo, ovvio però che non c'è più feeling». E aggiunge: «Purtroppo ha tirato fuori questioni politiche per giustificare il mancato rispetto di una regola per noi fondamentale, quella della restituzione di una parte dell'indennità». «Comunque, la questione è chiusa - conclude -. Non vogliamo più parlare di Venturino, siamo impegnati a tempo pieno nell'attività parlamentare».


VENTURINO VERSO IL GRUPPO MISTO
Dal punto formale Antonio Venturino rimane ancora un deputato del gruppo 5 stelle dell'Assemblea siciliana. La Presidenza non ha ricevuto alcuna comunicazione nè dal deputato, che è vice presidente vicario dell'Ars, nè dal gruppo Cinquestelle. «Lo farò la prossima settimana», dice il capogruppo del M5S, Giancarlo Cancelleri. Dall'entourage di Venturino fanno sapere che non appena l'addio al M5S sarà ufficiale, il vice presidente transiterà nel gruppo Misto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati