Napoli secondo, Inter ormai fuori dall’Europa

I partenopei passeggiano a Bologna, nerazzurri sconfitti in casa dalla Lazio

ROMA. A due giornate dal termine la serie A aggiunge responsi e semplifica i dubbi: il Napoli passeggia 3-0 a Bologna e ufficializza il suo secondo posto che vale la Champions a gironi; il Milan si diverte a Pescara e col 4-0 avvicina ancora di più la qualificazione Champions. La Fiorentina infatti non fallisce la vittoria nel derby col Siena ma l'1-0 la lascia a 4 punti dai rossoneri. La qualificazione all'Europa League è però virtualmente in cassaforte. I risultati inguaiano la Roma, sconfitta nell'anticipo col Chievo. L'Udinese infatti vince 3-2 a Palermo e si porta al quinto posto con due punti di vantaggio sulle romane: la Lazio infatti aggancia la Roma grazie al successo di 3-1 in casa dell'Inter, ormai condannata a un anno senza Europa e che inanella il 15/o ko in stagione. Se il torneo finisce così la finale di Coppa Italia è anche uno spareggio per l'Europa.    
Anche per lo sprint salvezza tutto sembra abbastanza chiaro: il Siena è virtualmente in B (-6 dal Genoa ma in vantaggio negli scontri diretti), il Palermo si mangia tante occasioni e perde le ultime chance col ko casalingo coi friulani. Lo 0-0 poco guerreggiato tra Torino e Genoa rende quasi tranquilli i granata ma i rossoblù hanno quattro punti di vantaggio sul Palermo e sono vicini alla meta.    
La serata è contrassegnata da eventi censurabili: a Bergamo una partita senza storia, in cui la Juventus si impone 1-0 con una prodezza di Matri, viene rovinata da incidenti tra le due tifoserie e lanci di petardi dall'una all'altra curva con la gara interrotta per 7'. Come ieri a Roma, anche oggi in gran parte degli stadi fischi e insulti nel minuto di raccoglimento in memoria di Giulio Andreotti.    
Il Napoli fa polpette del Bologna (9 gol subitI in quattro giorni) con Hamsik, un rigore di Cavani (27/o centro) e Dzemaili rispondendo così al Milan che dispone del Pescara grazie a una doppietta di Balotelli, Flamini  e Muntari. Ma la gara più elettrizzante avviene a San Siro con la Lazio che passa per un pasticcio di Handanovic, poi Alvarez pareggia ma la conclusione é ai rigori: Hernanes lo segna, Alvarez lo manda in tribuna, poi Onazi con un missile fissa il 3-1. Ma anche a Palermo è il festival del gol: Udinese due volte in vantaggio e due volte raggiunta, poi un pasticcio di Sorrentino facilita il 3-2 di Benatia. A Torino pari senza emozioni tra granata e Genoa che non si fanno del male e si prendono un punto che avvicina la salvezza. Nelle altre partite che non contano il Parma vince a Trieste sul Cagliari con un gol di rapina di Rosi mentre pari a Genova con Samp in vantaggio con De Silvestri e pari per il Catania di Spolli. Doriani deludenti ma è salvezza matematica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati