Pdl Sicilia, Misuraca guiderà da solo il partito

La nomina di Giuseppe Castiglione e Simona Vicari tra i quaranta sottosegretari del governo Letta potrebbe provocare un riassetto ai vertici del partito. I rumors indicano il ritorno a un coordinamento unico

PALERMO. Il Pdl siciliano alle grandi manovre. La nomina di Giuseppe Castiglione e Simona Vicari tra i quaranta sottosegretari del governo Letta potrebbe provocare un riassetto ai vertici del partito. Castiglione è uno dei due coordinatori regionali assieme a Dore Misuraca (mentre Domenico Nania ha già lasciato il Pdl). Anche se non ha ancora deciso, Castiglione potrebbe a breve lasciare questo incarico. A questo punto i rumors indicano il ritorno a un coordinamento unico del partito in Sicilia che sarebbe affidato a Misuraca. Il leader degli azzurri in Sicilia a questo punto riempirà alcune caselle rimaste vuote, come la guida del partito a Palermo, prima affidata alla Vicari, e a Messina dove Buzzanca ha lasciato il Pdl. Ieri Misuraca ha espresso «il più sentito compiacimento per la nomina di Vicari e Castiglione». Gli altri due sottosegretari siciliani sono Gianfranco Miccichè di Grande Sud e Giuseppe Berretta del Pd. Restano invece fuori alcuni dei nomi che erano stati ipotizzati come Beppe Lumia e Sergio D’Antoni del centrosinistra. Situazione sfavorevole al presidente della Regione, Rosario Crocetta: uno dei suoi principali alleati, Gianpiero D’Alia dell’Udc, è ministro di un governo col Pdl protagonista e per di più si ritrova negli uffici della Pubblica amministrazione il sottosegretario Miccichè. Una situazione che potrebbe aprire nuovi scenari nel quadro delle alleanze in Sicilia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati