Catania, la giunta comunale approva Piano anticorruzione

CATANIA. La giunta comunale di Catania ha adottato il Piano anticorruzione e illegalità, con un programma di interventi per prevenire il rischio di permeabilità dei settori strategici dell'amministrazione. «L'iniziativa pone la città - ha affermato il sindaco Raffaele Stancanelli - al primo posto tra i grandi comuni capoluogo ad avere già approvato uno strumento di prevenzione che individua obblighi precisi e codificati per la struttura burocratica e organizzativa dell'Ente, prevedendo meccanismi di formazione, attuazione e controllo delle decisioni, idonei a prevenire il rischio di corruzione». «Il piano che abbiamo varato lo scorso 30 aprile, il primo in Italia  - ha spiegato il sindaco - individua nelle aree Appalti, Politiche sociali, Edilizia, Urbanistica, Attività produttive, Patrimonio e Risorse umane i settori amministrativi maggiormente a rischio. Da un'attenta analisi inoltre - ha aggiunto il sindaco Stancanelli - è stato verificato che costituiscono attività a maggior rischio di corruzione quelle che implicano l'erogazione di benefici e vantaggi economici; il rilascio di concessioni o autorizzazioni; le procedure di impiego e utilizzo di personale; progressioni in carriera; incarichi e consulenze; l'affidamento di commesse pubbliche, specie quelle con più elevato livello di discrezionalità. Per questo tipo di attività - ha osservato Stancanelli - sono previste stringenti misure di contrasto nella violazione anche potenziale della legalità, in aggiunta a tutte le misure di prevenzione finalizzate a contrastare il rischio di corruzione in tutti i settori dell'Ente, mediante precisi meccanismi di formazione e attuazione delle decisioni». Il Piano anticorruzione prevede che i dirigenti con cadenza trimestrale devono redigere un report contenente i dati nei quali vengono individuati, per ciascun procedimento di attività a maggiore rischio di corruzione, gli obblighi di trasparenza supplementari, elemento quest' ultimo che contribuisce anche a formare la valutazione del dirigente preposto. «Punti qualificanti del Piano - ha precisato il sindaco - sono ulteriori obblighi di trasparenza che abbiamo previsto utilizzando su larga scala il sistema della pubblicazione su internet di tutti i procedimenti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati