Tabella H, fondi per 137 enti

PALERMO. "L'inciucione” all'Assemblea regionale è andato in scena in piena notte. Solo verso le 3 del primo maggio, agli uffici della Presidenza è arrivato il testo definitivo della famigerata "Tabella H", il lungo elenco di enti e associazioni, partorito dopo lunghe ed estenuanti trattative tra deputati impegnati per ore a correggere bozze e a modificare cifre, che hanno ottenuto contributi nell'ambito della manovra finanziaria. I beneficiari sono 137, soldi a pioggia distribuiti a una platea bene identificabile con i singoli parlamentari, ognuno dei quali si è battuto per l'ente a lui vicino. Solo i 5stelle e il gruppo di Nello Musumeci hanno votato contro, ma senza frapporre ostacoli come l'ostruzionismo, che avrebbero comunque avuto solo l'effetto di prolungare i lavori, conclusisi poco prima delle 7 del mattino.     
Dentro l'elenco c'é un po' di tutto: associazioni conosciute che svolgono attività meritevoli e altre poco note. Nulla ha potuto il governatore Rosario Crocetta che ha cercato fino all'ultimo, assieme all'assessore all'Economia Luca Bianchi, di far passare un nuovo metodo per l'assegnazione di queste risorse (un fondo unico e poi bandi), che ogni anno, puntualmente, finiscono per catalizzare l'attenzione dei deputati.    
Molte le curiosità. C'é l'associazione culturale 'No limits' di Alcamo (Tp), famosa tra i giovani per il tradizione Veglione di Carnevale, che riceve 11 mila euro; 5 mila vanno all'associazione 'Ioco' per la conservazione dei giocattoli antichi; 10 mila euro all'associazione 'Faro di pace' di Canicattì (Ag); 29 mila euro all'associazione Anmil (mutilati) e Unic (invalidi civili) e altri 57 mila euro all'opera Onimic sempre per mutilati e invalidi civili; 18 mila euro al 'servizio telefonico nazionale'; 45 mila euro all'unione siciliana 'emigrati e famiglie'; 22 mila euro al centro siciliano di fisica nucleare e 31 mila euro all"Istituto per la dottrina e l'informazione socialé Idis on line. E ancora: al centro studi 'Nuove religioni' 27 mila euro; all'Avis di Alì Terme 35 mila euro; al 'Club Mediterraneo delle ustioni' 62 mila euro; all'associazione 'Lapidei siciliani' 78 mila euro, al comune di Custonaci 38 mila euro per la realizzazione del presepe vivente; all'associazione Oikos di Barcellona per il museo etno - antropologico 'Nello Cassata' 40 mila euro; 69 mila euro invece al museo 'fortificazioni costiere della Sicilia' di Brolo, mentre 66 mila euro sono assegnati all'Istituto internazionale del papiro per il perseguimento dei propri fini istituzionali.    
Non mancano le università, le accademie e i centri teologici, come la 'Pontificia facolta' teologica di Sicilia con sede a Palermo (135 mila euro), l'Accademia degli zelanti e dei dafnici (97mila euro), il centro Arces attrezzature residenziali culturali educative siciliane (157 mila euro), l'Officina di studi medievali di Palermo (250 mila euro), L'Istituto di studi politici ed economici Isspe (124 mila euro), lo studio teologico San Paolo di Catania (97 mila euro) e lo studio teologico San Tommaso di Messina (46 mila euro). Soldi anche al telefono arcobaleno (420 mila euro), alla Fondazione Banco Alimentare (425 mila euro), al Centro studi Don Calabria (233 mila euro), alla Casa del Sorriso di Monreale (176 mila euro) e alla Missione Speranza e carità di Palermo (120 mila euro).     
I contributi maggiori vanno alle associazioni per ciechi e non udenti: 646 mila euro alla Helen Keller e 1,48 milioni all'Unione italiana ciechi operante in Sicilia, che riceve altri 1,6 mln per il funzionamento della stamperia braille. All'Istituto superiore di giornalismo di Palermo vanno 323 mila euro, altri fondi sono distribuiti a una decina di associazioni nel settore della sanità. Non si sa invece chi saranno i beneficiari di 940 mila euro, assegnati in via generale ad "accademie, enti, istituzioni e associazioni culturali e scientifiche aventi sedi in Sicilia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati