Donati: "Adesso vediamo la luce, siamo una squadra"

Il centrocampista in conferenza stampa: "Questo grazie a Sannino, ha saputo ricaricarci. Il Genoa è avvantaggiato ma non facciamo calcoli"

PALERMO. «Una delle prerogative del tecnico è quella di stare compatti, soprattutto quando dobbiamo recuperare la palla. Il secondo tempo con l'Inter è stato di contenimento, bisogna anche soffrire. Questo atteggiamento l'ha trasmesso Sannino, con Gasperini era sempre uno contro uno, adesso si lavora di squadra». Lo ha detto il centrocampista del Palermo, Massimo Donati, oggi in conferenza stampa.  «Sia la squadra che l'ambiente ormai erano desolati, non vedevamo la luce e ci davano per morti - ha proseguito -. Il tecnico ci ha ricaricato, eravamo senza benzina e ci ha trasmesso una gran voglia, facendoci capire che non dovevamo mollare. Un po’ di luce adesso si vede». La gara a tre tra Palermo, Genoa e Siena potrebbe essere decisa anche dal calendario. «Sicuramente il Genoa è avvantaggiato - ha ammesso -, ma alla fine dobbiamo pensare a giocare bene. Non dobbiamo fare tanti calcoli. Non penso che chi giocherà contro il Genoa vorrà fare brutte figure. La professionalità è la cosa più importante. Sono sicuro che tutti faranno come ha fatto il Bologna con noi. Dopo tutto quello che è successo col calcioscommesse non credo che esisteranno certi problemi».  Donati era sembrato a un passo dall'addio al Palermo. «Anche Lo Monaco ha voluto che restassi all'inizio, poi negli ultimi giorni mi ha detto che c'era la possibilità di andare - ha proseguito -. Non me la sono sentita di lasciare una società e una città bellissima. Quest'anno quasi tutte le partite credo di averle giocate molto bene, ma preferisco vincere giocando male». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati