Vigilanza contro i furti negli alloggi a Gela: il Comune pagherà 300 mila euro

La Cosiam nel 2003 affidò ai vigilantes la custodia delle case popolari Iacp che erano state ristrutturate

GELA. I lavori di rifacimento del quartiere Villaggio Aldisio si sono conclusi, oramai, quattro anni fa. Nonostante tutto, però, dalle casse comunali dovranno uscire, ancora, quasi trecentomila euro. Tanto devono ricevere i responsabili della Cosiam, azienda che si aggiudicò, nel 2003, l’intero appalto. Proprio la società guidata dall’imprenditore Riccardo Greco ha dovuto, negli ultimi anni, fronteggiare circa venticinque atti di pignoramento fatti recapitare dagli avvocati delle guardie giurate che si occuparono, in quel periodo, della vigilanza nell’area dei cantieri. Operatori rimasti privi di pagamenti. Durante lo svolgimento dei lavori, il quartiere era diventato teatro di tante occupazioni abusive: molte famiglie cercarono di accaparrarsi uno degli alloggi vuoti pur di avere un tetto sopra la testa. Non mancarono vere e proprie risse tra i proprietari degli immobili e gli occupanti. Così, venne deciso di affidare la vigilanza ad una cooperativa locale. Purtroppo, però, non venne chiaramente stabilito a quali delle parti in campo sarebbe spettato pagare i servizi di vigilanza. Comune oppure ditta esecutrice dei lavori? Gli anni, intanto, sono passati: i vigilantes non hanno ricevuto i soldi previsti mentre i dirigenti della Cosiam continuavano a ricevere atti di pignoramento. Nelle ultime settimane, però, lo stallo sembra essersi risolto. Il pagamento spetta all’ente comunale. In un primo momento, l’accordo sembrava essersi concluso per una cifra intorno ai 350 mila euro: per poi, però, scendere a 280. Nell’arco di cinque anni, i vigilantes che prestarono servizio all’interno dei cantieri di Villaggio Aldisio hanno ricevuto, in totale, solo ventimila euro. Compensi versati direttamente dai dirigenti della Cosiam. Adesso, invece, le somme rimanenti dovranno uscire dalla casse di Palazzo di Città. In questo modo, si potrà dare una risposta ai tanti decreti ingiuntivi fatti recapitare, in questi anni, alla sede della società dell’imprenditore Riccardo Greco. L’intervento delle guardie giurate a Villaggio Aldisio venne richiesto proprio dall’allora sindaco Rosario Crocetta per cercare di contrastare le occupazioni abusive degli alloggi che, a causa dei lavori da svolgere, venivano temporaneamente abbandonati dai legittimi proprietari. Ora, è stato necessario mettere nero su bianco i conti e stabilire chi dovrà pagare i servizi comunque svolti dagli operatori della cooperativa che, comunque, continuano ad attendere quanto dovutogli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati