Sulla raccolta differenziata scontro fra Campione e sindaco

Il coordinatore: «Si tratta di un problema di facile soluzione. Basta volerlo affrontare»

CALTANISSETTA. Sul tema della raccolta differenziata in città, diventata il cavallo di battaglia dei comitati di quartiere, ormai botta e risposta a distanza fra il coordinamento e il sindaco Michele Campisi.
Quest’ultimo in una intervista rilasciata al nostro Giornale qualche giorno fa aveva accusato gli esponenti dei vari quartieri di fare politica.
La risposta del coordinatore Carlo Campione non si è fatta attendere. «Il sindaco - ha dichiarato - ha detto una cosa giusta. È vero noi facciamo politica, ma quella del bene comune e non partitica. Semmai è il sindaco a non saper fare politica e a non rendere conto alla cittadinanza».
A far scoppiare la polemica le problematiche legate alla raccolta differenziata che nel capoluogo segna decisamente il passo. I quartieri hanno varato un progetto pilota che ha già ottenuto il via libera di Ato e Caltambiente, ma giovedì scorso, quando il progetto doveva essere presentato alla città nel corso di un’assemblea a San Luca, ad essere assente era il sindaco impegnato nella lectio magistralis del vescovo in Cattedrale. In quella sede si dovevano affrontare i nodi della differenziata nel mercatino settimanale di Pian del Lago, struttura dove le carenze organizzative non consentono ai vigili urbani di effettuare controlli e di sanzionare i trasgressori. Venerdì il coordinamento dei comitati di quartiere ha convocato un’altra assemblea, sempre a San Luca. «Abbiamo nuovamente invitato il sindaco e il comandante della polizia municipale - ha sostenuto Campione - per capire i ritardi che impediscono la realizzazione delle strisce di terra. Riteniamo - ha concluso - che si tratti di un problema di facile soluzione: basta affrontarlo». S.G.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati