Pulvirenti: "Niente disfattismi, ce la giochiamo per l’Europa"

Il patron etneo non ha apprezzato i fischi dopo il pareggio interno con il Cagliari: "La nostra non è una stagione fallimentare, dobbiamo essere orgogliosi dei nostri giocatori". Il presidente ha poi annunciato l’accordo con "due giocatori sudamericani molto importanti"

CATANIA. «I disfattismi sono fuori luogo, la squadra merita solo applausi». Il messaggio di Antonino Pulvirenti è forte e chiaro. Il presidente del Catania, presentatosi in conferenza stampa questo pomeriggio nel centro sportivo di Torre del Grifo, non ha apprezzato il modo in cui la piazza ha reagito al pareggio interno contro il Cagliari, giunto a conclusione di una prestazione non brillante. «In questi giorni ho avvertito un certo disfattismo nell'ambiente - ha sottolineato Pulvirenti - e la cosa non mi è piaciuta. Conosco questi meccanismi e dico subito che siamo su un registro sbagliato. Al termine della partita con il Cagliari ho visto il gruppo giù di morale a causa di qualche fischio ricevuto: questi ragazzi hanno dimostrato di avere gli attributi, dobbiamo essere orgogliosi di loro».  «Non si può parlare di stagione fallimentare - continua il presidente della società etnea - in caso di mancata qualificazione per l'Europa. Abbiamo detto che ce la saremmo giocata sino in fondo e vi assicuro che sarà così. In fin dei conti restiamo a soli cinque punti dal quinto posto. Detto questo, è meglio tenere presente che in futuro il nostro obiettivo, come quello della maggioranza delle squadre che partecipano al campionato di Serie A, resterà la salvezza». A proposito di futuro, Pulvirenti offre qualche anticipazione di mercato: «Abbiamo già raggiunto l'accordo con due giocatori sudamericani molto importanti. Marchese? È in scadenza di contratto, ma si sta comportando seriamente. Se dovesse andare via, comunque, non ci fasceremo la testa e troveremo uno più bravo di lui. Anche il vincolo di Legrottaglie è in scadenza: ci incontreremo presto, se lui è d'accordo il suo domani può essere ancora qui. Partenze di rilievo in vista? Presto per dirlo, ma non ho questa sensazione». Infine una replica secca alle ultime dichiarazioni rilasciate da Pietro Lo Monaco, ex amministratore delegato rossazzurro, dettosi pronto a «spegnere la luce» al Catania dopo avere chiesto al club etneo 6,5 milioni di euro: «Abbiamo già querelato per diffamazione questo signore», annuncia Pulvirenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati