Liquori con le arance siciliane L’idea di una azienda scozzese

La Hendrick's, storica multinazionale dei distillati, ha deciso di produrre il «blood orange liqueur», bevanda alcolica a base di agrumi rossi Igp

Vitamine, antiossidanti, micronutrienti preziosi, il tutto racchiuso in un frutto, l'arancia, quella rossa, siciliana in particolare, che fra tutti i prodotti Made in Sicily è riuscita a raggiungere una notorietà trasversale di tutto rispetto presente com'è nel mondo dello sport, del cinema fino a quello dei liquori.
E così una delle più famose aziende di liquori al mondo, la Hendrick's, ha deciso di produrre un «blood orange liqueur», un distillato di arance rosse di Sicilia. Il prodotto sta spopolando negli Stati Uniti: i baristi possono usarlo sia come spirito di base oppure come modificatore in una vasta gamma di cocktail e bevande. «L'arancia rossa di Sicilia Igp - spiega Alessandro Scuderi, presidente del Consorzio di tutela dell’arancia rossa di Sicilia - frutto simbolo della nostra Isola, è scelta grazie alle attività di marketing».
Ma la scelta della multinazionale scozzese dei distillati significa anche altro: «Porta tutti i consumatori del mondo - continua Scuderi - a pensare alla Sicilia grazie alle nostre arance rosse. Questo passaggio è il sigillo che l’arancia rossa anche per i grandi brand, rappresenta un elemento sul quale puntare permettendo di passare dalle strategie globali a quelle glocali, neologismo che unisce la parola globale e locale, al fine di differenziarsi e fare business con vantaggi in termini di immagine, economici e turistici».
L'arancia rossa è diventata una vera celebrità apprezzata anche da attori e modelle famose, come ad esempio Naomi Campbell o Gerard Depardieu. «Attori, politici e sportivi sono diventati accaniti consumatori con acquisti anche on-line pur di avere sempre le arance rosse di Sicilia Igp nella loro dieta - conferma Scuderi -. Gli elementi che hanno portato i divi verso questo prodotto sono il gusto unico e le proprietà salutistiche possedute per la presenza delle antocianine, che evitano l'ossidazione delle cellule oltre ad inibire l'accumulo di sostanze grasse, divenendo un alimento nutraceutico».
D’altra parte la comunità scientifica, fra cui Umberto Veronesi, ha presentato un lavoro in cui vengono confermate le proprietà terapeutiche dell'arancia rossa di Sicilia Igp. In questo periodo, intanto, prosegue la raccolta del Sanguinello, la cultivar dalla polpa rossa, spesso senza semi, molto succosa. Quest'anno è stata una buona annata in termini di mercato con prezzi sia alla produzione che all'ingrosso superiori alla media, in relazione alla minore disponibilità di prodotto
Ancora il presidente del Consorzio: «La qualità è eccellente, con un buon livello di pigmentazione, anche se iniziata in ritardo in relazione all'arrivo del freddo in ritardo. Per quanto riguarda i prezzi si va dai 40 cent/Kg alla produzione ai 70-90 cent/Kg all'ingrosso sino all'1,20-1,40 euro/Kg al consumo».
La produzione viene destinata prevalentemente all’Italia (85%), anche se quest'anno si è avuta una crescita delle esportazioni di circa il 40%, raggiungendo mercati quali Germania Austria, Svizzera e Svezia. Crescente l'interesse di Gran Bretagna, Belgio, Norvegia e di Paesi lontani come Giappone e Stati Uniti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati