Zichichi: "Non si è voluto cambiare pagina"

L'ex assessore ringrazia Crocetta, ma si toglie qualche sassolino: "La verità sta nel fatto che sono venute fuori profonde divergenze culturali. Di queste profonde divergenze culturali io sono orgoglioso in quanto sono queste l'unica strada affinchè la Sicilia possa voltare pagina. Purtroppo Crocetta ha deciso di non provare nemmeno"

«Ringrazio vivamente Crocetta per avermi liberato dall'impegno che mi aveva chiesto di prendere affinchè in Sicilia si potesse 'voltare paginà. In tre mesi di intenso lavoro ho fatto dodici progetti la cui realizzazione avrebbe - per la prima volta nella storia della Sicilia post-guerra - portato un serio contributo per voltare pagina». Lo dice l'ex assessore regionale ai Beni culturali Antonio Zichichi dopo la revoca dell'incarico da parte del governatore siciliano. Tra Crocetta e Zichichi è scoppiata improvvisa la guerra sui «raggi cosmici». Il presidente della regione ha detto: «Non se ne poteva pi—, bisognava lavorare e invece lui parlava di raggi cosmici. Forse, sarebbe stato meglio utilizzarlo come esperto». «La verità - ribatte Zichichi - sta nel fatto che sono venute fuori profonde divergenze culturali. Di queste profonde divergenze culturali io sono orgoglioso in quanto sono queste l'unica strada affinchè la Sicilia possa voltare pagina. Purtroppo Crocetta ha deciso di non provare nemmeno. La mia attività si è svolta sempre nel pieno e assoluto rispetto delle istituzioni. Nessuno, incluso Crocetta, può permettersi di recare le pur minime ombre su ciò che ho fatto in questi tre mesi di intenso lavoro». «Mi dispiace - conclude - non essere riuscito a spiegare a Crocetta che se vogliamo dare un contributo serio al problema degli studi meteo-climatologici dobbiamo capire come si formano le nuvole. Senza raggi cosmici non potrebbero esistere le nuvole. Senza nuvole niente piogge. Uno dei miei progetti era sui raggi cosmici per capire le nuvole. Continueremo a lavorarci anche se fuori dalla Sicilia. Mi sta a cuore un dettaglio: se Crocetta pensa che lavorare con i raggi cosmici sia non lavorare, dovrebbe rinunciare all'uso del telefonino in quanto è grazie ai raggi cosmici che abbiamo scoperto le leggi dell'ElettroDinamica Quantistica di cui il telefonino è una delle applicazioni tecnologiche».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati