"Borsellino quater", pm citano 300 testimoni

PALERMO. Collaboratori di giustizia, ma anche ex ufficiali dell'Arma, l'ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, funzionari e l'ex capo della polizia Gianni De Gennaro, magistrati, ex 007 e Massimo Ciancimino, politici come Claudio Martelli, Luciano Violante, Giuliano Amato e Vincenzo Scotti, Nicola Mancino, Virginio Rognoni: sono alcuni dei circa 300 testimoni che la procura di Caltanissetta intende citare al processo «Borsellino Quater» che si apre domani in corte d'assise. Imputati i boss Salvatore Madonia e Vittorio Tutino e Vincenzo Scarantino, Calogero Pulci e Francesco Andriotta, i falsi pentiti autori di un clamoroso depistaggio che ha portato alla condanna di sette innocenti per la strage in cui vennero uccisi Paolo Borsellino e la sua scorta. Una lista testi con cui i pm Domenico Gozzo, Gabriele Paci e Stefano Luciani si propongono di riscrivere la storia dell'eccidio di via D'Amelio nella fase esecutiva, ma non solo.
Oltre ai pentiti Spatuzza, Giuffrè e Brusca, - Spatuzza in particolare ha consentito di riaprire l'inchiesta - verranno ascoltati i testimoni di una serie di vicende, come la scomparsa dell'agenda rossa di Borsellino, che non sono mai arrivate a un processo. Parte del processo sarà dedicata anche all'approfondimento del depistaggio dell'inchiesta e della trattativa Stato-mafia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati