Riesi, quella strada è pericolosa: è protesta al quartiere Croce

Un ripido tratto, tra via Accardi e via Soldato Marazzotta, risulta da tempo impercorribile

RIESI. Strada dissestata e pericolosa per i cittadini. Un ripido tratto, tra via Accardi e via Soldato Marazzotta, risulta impercorribile a causa di un manto stradale alquanto precario. A farsi portavoce delle lamentele degli abitanti della zona Croce, è il sagrestano della chiesa del Santissimo Salvatore, Angelo Pasqualino. Nel rione vivono anche alcuni familiari del collaboratore di don Pino Giuliana, che giornalmente rischiano di scivolare o farsi male proprio a causa delle precaria pavimentazione stradale. In seguito alla demolizione di una casa pericolante, si è reso necessario il risanamento del lembo della strada. Le recenti piogge però hanno aggravato le precarie condizioni della porzione di manto stradale. «Avevo già evidenziato all’ex assessore ai Lavori pubblici Sergio Butera la precarietà del manto stradale – dice Pasqualino -. Ho più volte segnalato il problema ma sinora nulla è stato fatto per risanare il tratto. I politici si occupano di candidati alle elezioni, disinteressandosi dei problemi della gente. Pensano al futuro dimenticando il presente. Tanti si ricordano del quartiere Croce solo in occasione della Santa Pasqua. Alle donne quest’anno consiglio di calzare stivali di gomma e non tacchi a spillo per recarsi a Monte Calvario. Tante, infatti, rischiano di scivolare a causa delle strade impercorribili». Angelo Pasqualino che ha già segnalato il problema ai carabinieri ed al dirigente comunale dell’area tecnica del Comune Antonio Gallè, attende adesso un intervento da parte dell’Ente locale in grado di rendere sicura la strada. «Spero che gli uffici comunali si attivino celermente – aggiunge Pasqualino - per evitare disagi a residenti della zona e passanti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati