Tornano i Forconi: "Niente blocchi, ci saranno solo presidi"

Il leader dei 'Forconì, Mariano Ferro, conferma la protesta che scatterà lunedì prossimo e che ha già messo in allerta le Prefetture. Presidi sono in programma a Catania, Messina e Siracusa, nei pressi dei caselli autostradali di San Gregorio, Tremestieri e Rosolini, nel palermitano lungo l'autostrada A19 nei pressi dello svincolo per Villabate, nel ragusano in contrada Roccazzo

CATANIA. Niente blocchi selvaggi come  accadde un anno fa quando la Sicilia per diversi giorni  precipitò nel caos con le pompe di benzina a secco e i  supermercati vuoti, ma una mobilitazione a oltranza fatta di  presidi e volantinaggi in diverse zone della Sicilia. Il leader  dei 'Forconì, Mariano Ferro, conferma la protesta che scatterà  lunedì prossimo e che ha già messo in allerta le Prefetture.     Presidi sono in programma a Catania, Messina e Siracusa, nei  pressi dei caselli autostradali di San Gregorio, Tremestieri e  Rosolini, nel palermitano lungo l'autostrada A19 nei pressi  dello svincolo per Villabate, nel ragusano in contrada Roccazzo.  Sono in fase di definizione le iniziative nelle province di  Trapani ed Enna.     «Abbiamo comunicato alle Prefetture che non faremo uno  sciopero selvaggio - afferma Ferro - ma confermiamo lo stato di  agitazione e andremo avanti a oltranza con volantinaggi in tutte  le province». «Occorre mettere in moto l'economia di questa  terra - dice il leader del movimento agricolo - Diciamo alla  classe politica di questo Paese di portare al centro dell'agenda  i problemi veri degli italiani e in particolare dei siciliani.  Ogni giorno le aziende chiudono e nessuno pensa come risolvere i  problemi di chi ogni mattina si alza per andare a lavorare». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati