Fivet o Icsi, ecco le tecniche di procreazione più utilizzate

PALERMO. Si parla di Pma omologa quando gli ovuli e gli spermatozoi provengono dalla coppia che richiede il trattamento. Mentre di Pma eterologa quando gli ovuli e spermatozoi provengono da individui esterni alla coppia. Quest’ultimo tipo di fecondazione non è consentita dalla legge italiana (Legge 40/2004).
Ne esiste, poi, un’altra a seconda dell’invasività e della peculiarità del trattamento. Una tecnica di primo livello è l’inseminazione intrauterina che si realizza con l’inseminazione di spermatozoi dell’uomo nel corpo dell’utero della donna: Fivet. La donna viene stimolata per produrre più ovociti, per avere più successo di essere fecondata dagli spermatozoi del compagno (originariamente diretta alle pazienti affette da problemi tubarici non trattabili chirurgicamente). Altra tecnica è l’iniezione Intracitoplasmatica di Spermatozoi o Icsi: una forma di micromanipolazione, ovvero nell’iniezione di un singolo spermatozoo direttamente nel citoplasma di un ovocita maturo tramite un ago di vetro. E’ utilizzata quando la causa della infertilità risiede nell’uomo, che ha spermatozoi poco motili.
È possibile anche utilizzate tecniche social freezing, cioè di congelamento. Questo può dare una possibilità in più alle donne e agli uomini che si sottopongono a radio o a chemioterapia.

S.I.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati