Indagine sulle patologie da amianto a Gela: "Anomalie su 40 operai"

Preoccupanti i primi dati sulle spirometrie: ora i 90 lavoratori sotto esame dovranno sottoporsi a più accurati esami Tac

GELA. Sono già più di novanta gli operai a rischio amianto che hanno avuto la possibilità di sottoporsi a visite specialistiche gratuite tra i reparti del Vittorio Emanuele. Dopo l'accordo raggiunto fra i rappresentanti locali dell'Osservatorio nazionale amianto e i vertici dell'Asp, infatti, sono state effettuate le spirometrie, per accertare le condizioni dell'apparato respiratorio dei pazienti. I dati, però, sono tutt'altro che favorevoli.

"Adesso - dicono Salvatore Granvillano e Franco Famà dell'Ona - questi risultati dovranno essere approfonditi attraverso la sottoposizione alla tac. In ogni caso, da quello che ci è stato comunicato, più del quaranta percento dei lavoratori visitati deve fare i conti con la presenza, anomala, di fumi nell'apparato respiratorio".

Risultati che, però, verranno sottoposti a nuove indagini. "Aspettiamo la seconda fase - ammettono i due esponenti dell'associazione - purtroppo, diversi inghippi burocratici stanno facendo ritardare l'avvio delle tac. Ci è stato formalmente comunicato che, già nei prossimi giorni, dovrebbero riprendere regolarmente. Siamo preoccupati. Alcuni colleghi, prima dell'interruzione, si sono sottoposti anche alla tac. Su circa otto visite, solo in due casi non è stata riscontrata la presenza di linfonodi, anche di notevole spessore, nell'apparato respiratorio". I controlli garantiti dai medici del Vittorio Emanuele, quindi, hanno confermato i sospetti nutriti dai componenti dell'osservatorio nazionale amianto. L'incubo di molti si chiama asbestosi".  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati