Il ritorno dei letti a castello: camere a misura di portafoglio

Sempre più siciliani scelgono soluzioni a budget limitato ma con un occhio allo spazio, per rispettare tutte le esigenze

PALERMO. Nelle camerette dei più piccoli di casa ritornano i letti a castello e gli armadi a ponte. Sempre più siciliani scelgono infatti di ottimizzare gli spazi ristretti delle camere da letto. Il mercato viene incontro a queste esigenze offrendo soluzioni pratiche e allo stesso tempo dal gusto ricercato. A cambiare sono state soprattutto le esigenze. Infatti, come è anche testimoniato da una recente ricerca Istat, i ragazzi lasciano la casa dei genitori soltanto dopo aver compiuto trentacinque anni.
Chi ha quindi un budget limitato scegli di arredare la camera con uno sguardo verso il futuro, scegliendo quindi mobili che si adattino a tutte le età. «Va sempre fortissimo lo stile moderno. Infatti posso stimare che soltanto il dieci per cento dei nostri clienti scelgono lo stile classico – afferma Antonio Artisi del centro camerette Sogni di via Imperatore Federico a Palermo - le linee diventano essenziali e quindi eleganti. Chi ha a disposizione poco spazio sceglie prevalentemente il letto a castello o l’armadio a ponte. Addirittura alcuni di questi hanno anche una scrivania detraibile, con la possibilità di creare in appena due metri anche un punto studio. I prezzi partono da mille euro per mobili di standard medio alto».
«Le stanze da letto diventano sempre più piccole nelle case di città – affermano invece dal punto vendita Mobili Mazza di via Michelangelo ad Enna – i clienti cercano la componibilità per poter ottimizzare ogni centimetro dell’ambiente. L’armadio a ponte è la scelta più adeguata. Ne esistono versioni con scaffali, ampi armadi e scrivanie. Tutte le esigenze vengono quindi soddisfatte. Ci sono prezzi per tutte le tasche. Si parte dai seicento euro fino ai tre mila euro». «Per chi ha più figli da far dormire in una sola stanza la scelta più giusta è quella del letto a castello che dopo anni ritorna di gran moda – affermano invece da Mediterraneo Mobile di corso Carlo Marx a Catania – ce ne sono versioni di due o addirittura tre posti». Gli esperti del settore avvertono. Per chi non ha intenzione di cambiare i mobili della cameretta nel giro di qualche anno è necessario puntare sulla qualità. Un prezzo più alto è quasi sempre sinonimo di qualità del prodotto. «Per quanto riguarda questo tipo di mobili hanno molta importanza le strutture in ferro che devono essere fatti bene per durare negli anni e garantire la sicurezza di chi ci dorme – continua Artisi – per questo si deve puntare a prodotti di qualità anche se il prezzo diventa più alto rispetto ad altri articoli sul mercato». Per quanto riguarda i materiali con cui i mobili vengono realizzati, vanno per la maggiore il legno pregiato e il laminato. «Quest’ultimo viene scelto perché è pratico da pulire e inoltre spesso riprende le venature del legno così da rendere ancora più interessante e esteticamente belli armadi e scrivanie», continua Artisi. Sempre più camerette accolgono inoltre i televisori. Spesso infatti quelli a schermo piatto vengono appesi alle pareti come fossero dei quadri. Non cambiano le abitudini per quanto riguarda le immagini che si appendono ai muri. Dai poster degli idoli musicali trovati nelle riviste, ai quadretti con i personaggi della Walt Disney. Immancabili le cornici, anche esse di stile moderno con colori che riprendono l’arredamento della stanza, con le foto a cui si è più affezionati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati