Caso di brucellosi a San Cataldo, sequestrati capi di bestiame

Gli ispettori del servizio veterinario dell'Asp hanno individuato un nuovo focolaio in un allevamento ovino-caprino, in contrada Grotticelle. Secondo l'ordinanza del sindaco Franco Raimondi, gli allevatori dovranno attenersi all'osservanza di rigorose prescrizioni per evitare contagi ad altri allevamenti e capi

Sicilia, Archivio

SAN CATALDO. Un nuovo focolaio di brucellosi in un allevamento ovino-caprino, nelle
campagne di San Cataldo (Cl), è stato individuato dagli ispettori del servizio veterinario dell'Asp Caltanissetta. L'allevamento si trova in contrada Grotticelle, dove i capi di bestiame sono stati sottoposti con ordinanza sindacale a sequestro sanitario, nell'attesa delle controanalisi. Nell'ordinanza del sindaco Franco Raimondi, su segnalazione del Servizio veterinario di Caltanissetta, gli animali e gli impianti vengono affidati agli stessi allevatori che dovranno
attenersi all'osservanza di rigorose prescrizioni, anche per evitare contagi ad altri allevamenti e capi, o la trasmissione della brucellosi ai consumatori dei prodotti derivati dalla lavorazione del latte e delle carni dell'allevamento.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati