Attività produttive e Acque e rifiuti: nuova maxi-rotazione

Coinvolti dirigenti e funzionari. Analoghi trasferimenti sono scattati nei giorni scorsi alla Formazione, ai Beni culturali e al Turismo

PALERMO. Nuova maxi-rotazione di personale alla Regione siciliana. Questa volta tocca ai dipartimenti Attività produttive e Acque e rifiuti. I provvedimenti coinvolgeranno dirigenti e funzionari. Analoghi trasferimenti sono scattati nei giorni scorsi alla Formazione, ai Beni culturali e al Turismo. 
La Regione ha completato la maxirotazione del personale nei dipartimenti Formazione, Ambiente e Turismo. Tra dirigenti e personale del comparto sono 175 le persone coinvolte nei provvedimenti del governo Crocetta. Nei tre dipartimenti su 142 funzionari, collaboratori e istruttori amministrativi rimessi nella disposnibilità dell'amministrazione, ne sono stati trasferiti 118 così ripartiti: Formazione 48 su 53; Ambiente 54 su 64 e Turismo 16 su 25. Restano ancora da spostare 24 persone, si tratta di personale o beneficiario della legge 104 o sindacalizzato per cui l'amministrazione attende il nulla osta delle organizzazioni dei lavoratori, che se sarà contrario determinerà l'amovibilità del personale, in pratica non potranno essere spostarti. I dirigenti dei tre dipartimenti da destinare ad altro incarico erano 33 e ne sono già stati trasferiti 25 così ripartiti: Formazione 7 su 8; Ambiente 15 su 20 e Turismo 3 su 5. Anche per i dirigenti l'amministrazione attende il nulla osta dei sindacati, che hanno già dato picche per lo spostamento di Michele Lacagnina (Formazione) e Filippo Nasca (Turismo), che resteranno al proprio posto. «Lo prevede lo statuto dei lavoratori - dice il dirigente generale della funzione pubblica Giovanni Bologna, che presto lascerà l'incarico per occuparsi del dipartimento regionale credito e finanza - tutto il personale messo a disposizione dell'amministrazione è stato ricollocato e oggi sono stati firmati gli ultimi provvedimenti». Al dipartimento Ambiente, invece, non sono stati riconfermati 45 ingegneri assunti con contratti di collaborazione coordinata e continuativa, scaduti il 31 dicembre scorso. A proposito dei criteri da seguire nel processo di rotazione l'assessore regionale alle Autonomie locali Patrizia Valenti dice: «I criteri da seguire oltre a quelli indicati in via generale come ad esempio lo spostamento di chi è da molto tempo in un ufficio, saranno individuati anche in base alle esigenze specifiche di ciascun dipartimento. Abbiamo già inviato una nota ai capi dipartimento e agli assessori per inoltrare un'informativa ai sindacati come previsto dalla legge». Completata la maxirotazione nei tre dipartimenti, toccherà adesso ad altri tre: Attività produttive, Acquee rifiuti ed Energia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati