Palermo, "rischio inagibilità" per i locali della V Circoscrizione

PALERMO. I locali della V Circoscrizione di Palermo sono «a rischio inagibilità» per carenze igieniche: lo denuncia il presidente della circoscrizione, Fabio Teresi (Pd). «Il personale addetto alle pulizia manca ormai da mesi - dice Teresi - in parte a causa della vicenda Gesip, in parte per la rotazione interna. Il risultato è che si vive una situazione insostenibile, con i funzionari e dipendenti comunali costretti a portare da casa guanti e detersivi per adoperarsi in pulizie 'fai da tè di stanze e scrivanie. Ma così possiamo tamponare solo in parte l'emergenza». I problemi principali nella sede riguardano i servizi igienici, oltre a corridoi uffici e spazi comuni dislocati in circa 300 metri quadrati nei due piani di un immobile di via Adua. Attualmente risultano in servizio solo due persone per la pulizia dei locali, su un totale di sette addetti.    «Si invoca tanto il decentramento - aggiunge Teresi - poi si mettono le circoscrizioni nell'impossibilità di lavorare e di ricevere gli utenti». La V Circoscrizione è una delle più popolose della città: comprende i quartieri di Borgo Novo, Uditore, Zisa, Passo di Rigano e Noce. «Qualche settimana fa - aggiunge - quando c'è stata l'emergenza relativa al personale dei cimiteri, il sindaco Leoluca Orlando ha disposto trasferimenti di circa 40 persone in 24 ore, ed ha superato il problema. Qui gli uffici sono in piena emergenza igienico-sanitaria ma il sindaco, che oltre ad avere la delega al personale è anche responsabile della salute pubblica in città, non prende alcun provvedimento. Mi chiedo - conclude Teresi - se la sede di Villa Niscemi (l'ufficio di rappresentanza di Leoluca Orlando, ndr) fosse rimasta senza personale per le pulizie, dopo quanto sarebbe intervenuto il sindaco?». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati