Animali esotici, boom in Sicilia: e nasce una clinica veterinaria

L’ambulatorio verrà inaugurato entro la fine del mese a Palermo in viale Regione Siciliana. Sarà riservato a conigli, tartarughe, pesci e pappagalli

PALERMO. Una struttura veterinaria per soli animali esotici arriverà anche a Palermo. Entro questo mese sarà attivo il «Centro Veterinario per animali esotici», un ambulatorio medico esclusivamente dedicato a conigli, tartarughe, pesci, pappagalli e mammiferi definiti come animali non convenzionali o nuovi animali da compagnia. Pazienti della clinica potranno essere sia gli esotici d'affezione, i cosiddetti «pet», quindi animali domestici, ma anche quelli da reddito, allevati o ospiti di parchi, zoo e circhi.
Nella nuova struttura, che sorgerà in viale Regione Siciliana n. 422, saranno realizzate due stanze per le visite ambulatoriali, una per eseguire esami radiologici, un'area pre-chirurgica, una sala chirurgica isolata e infine, una per il ricovero. «Abbiamo predisposto tre incubatrici per mammiferi, uccelli e rettili. Riusciamo ad ospitare - dice Laura Faraci, medico veterinario della struttura - sino a sei mammiferi e nove rettili contemporaneamente, ma sempre in degenze separate per specie». Il centro è tra l'altro il primo anche in Sicilia e uno dei pochi presenti in Italia. «Di solito - spiega Marco Luparello, veterinario e direttore sanitario della clinica - gli animali cosiddetti non convenzionali vengono curati presso i classici e generici ambulatori veterinari. Il fatto è che per gli esotici è necessario un approccio completamente diverso rispetto a quello adottato per cane e gatto». Moltissime le specie racchiuse sotto l'etichetta di esotici: dai mammiferi come conigli, leoni da zoo, a rettili come sauri, tartarughe e serpenti sino a volatili come pappagalli. «Animali troppo diversi fra loro - aggiunge il dottor Luparello - ciascuno dei quali ha una propria fisiologia e anatomia completamente diverse». Non solo, ma alcuni di essi richiedono un'attenzione particolare. Essendo quasi tutte prede, a differenza di cane e gatto, che sono predatori, animali come pappagalli o conigli, per esempio, se percepiscono una situazione di pericolo, tendono a mascherare i sintomi di una patologia. «La dissimulazione - chiarisce Marco Di Giuseppe, medico vetrinario - tende a non rendere visibili i sintomi e quindi bisogna fare attenzione a non impaurirli o stressarli durante le visite». Ecco perché è importante non tenerli insieme a predatori oppure ad assicurare loro un ambiente protetto e senza troppi rumori. «È necessario - aggiunge Laura Faraci - rispettare il comportamento di ciascuna specie. E per fare questo bisogna conoscerle singolarmente».
L'ambulatorio, inoltre, avrà al suo interno anche strumenti diagnostici appositamente tarati sulle dimensioni dei simpatici animaletti: «Si potranno effettuare laparoscopie ed endoscopie anche per esotici di piccole dimensioni come pappagallini o coniglietti». «Attualmente in Italia non esistono corsi di specializzazione per formare il medico veterinario sugli animali esotici - conclude Marco Di Giuseppe - i corsi attualmente presenti si occupano di questi animali dal punto di vista zootecnico e ispettivo. Curarli è invece un'altra cosa. Il nostro obiettivo è quello di arrivare agli stessi standard medico-chirurgici di cane e gatto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati