Ancora tanti i ragazzini da soli sul web senza controllo

Si sa, i bambini del ventunesimo secolo sono più bravi dei loro genitori ad usare il computer e, sempre più spesso, sono proprio quest'ultimi a chiedere aiuto ai figli per fare qualche ricerca o per capire come funziona un nuovo programma.
Tuttavia, in moltissimi casi, i ragazzi restano da soli davanti al pc senza nessun controllo da parte degli adulti che non hanno alcuna consapevolezza su quello che fanno i propri figli sul web. Lo afferma il Rapporto Italia dell'Eurispes. Secondo il documento, solo un terzo dei genitori conosce le password dei propri figli in rete, il 34,8% esattamente, mentre un quarto, il 24,5%, può accedere alla loro posta elettronica e il 21, 9% al profilo Facebook.
Nonostante la consapevolezza sui pericoli di internet, quindi, solo una netta minoranza delle mamme e dei papà controlla le attività dei loro bambini sul web. Stessa cosa per il cellulare: solo un genitore su tre conosce il codice pin dei loro figli. Mentre il 15%, positivamente in controtendenza, sa sempre dove sono grazie a un'app scaricabile sul cellulare. In definitiva sebbene, da un canto, sia giusto incoraggiare i bambini alle prese con lo sviluppo informatico, d'altro canto è assolutamente necessario fare attenzione a ciò che fanno e a non lasciarli troppo soli davanti a un monitor. Il pericolo, su internet, è dietro un link.

E. M.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati