Pagelle: buon esordio di Faurlin, buio Ilicic

Bene Nelson alla sua prima prova con la maglia del Palermo. Lo sloveno tornato quello dei tempi peggiori

PALERMO
Sorrentino, 6,5. Fino a quando può salvare la situazione, lo fa con un’uscita prodigiosa su Parra a fine tempo. Senza grosse responsabilità sui gol degli ospiti.
Munoz, 6. Il migliore del reparto arretrato. L’ultimo ad alzare bandiera bianca dietro.
Donati, 5. Il primo buco lo apre a fine primo tempo, Sorrentino lo salva. Difficoltà pure nell’impostare l’azione da dietro.
Garcia, 5. La cosa migliore la fa alla fine con quel cross per Boselli che poteva essere vincente. Qualche passo indietro in fase di difesa rispetto alle prove precedenti.
Nelson, 6,5. Bagna il suo esordio con un gol, che alla fine però si rivela inutile. Fa una partita intelligente, cercando a poco a poco di prendere le misure giuste. È stato un nazionale portoghese e non sembra un caso.
Barreto, 5,5. Sempre tanta corsa, ma altrettanta confusione in mezzo al campo. A tratti però è sembrato che la coesistenza con Faurlin può dare buoni frutti. Ci vuole un po’ di tempo, quello che però non ha il Palermo.
Faurlin, 6,5. Il migliore dei nuovi. Personalità e piedi buoni. Ha subito preso in mano le chiavi del centrocampo.
Dossena, 5. Non il solito Dossena visto nelle prime uscite in rosanero. Il suo apporto, specie, in fase offensiva latita.
Dybala (57’), 5. Entra nella fase calante del Palermo. Ma i pochi palloni che tocca non sortiscono effetti.
Ilicic, 4,5. Nel giorno meno indicato torna l’Ilicic spento e spesso avulso dall’azione. Sembra tornato quello dei tempi... peggiori. Sarebbe importante sfruttare di più la coesistenza con Fabbrini.
Malele (77’), sv.
Fabbrini, 6. Vivace. Dai suoi piedi nascono le occasioni più pericolose del Palermo nel primo tempo. Nella ripresa si eclissa e viene sostituito.
Formica (68’), 6. Buon impatto sulla partita e assist vincente per l’unico gol rosanero. Merita più minuti in campo.
Boselli, 6. È necessario che aggiusti subito la mira. Bene di sponda. Sfortunato nel colpo di testa finale, dove trova un super Consigli.
Gasperini, 5. L’esperienza in rosanero sembra arrivata ai titoli di coda. Non si può obiettare la scelta di aver buttato subito nella mischia molti nuovi volti. E forse qualcuno penserà pure che avrebbe avuto bisogno di più tempo per costruire qualcosa con un Palermo rivoltato come un calzino a gennaio. Zamparini non la penserà così. Del resto, i numeri lo condannano.
ATALANTA
Consigli, 7; Scaloni, 6 (Raimondi 55’, 6); Stendardo, 6,5; Canini, 6,5; Del Grosso, 6; Carmona, 6,5; Radovanovic, 6, 5 (Cazzola 64’, 6); Biondini, 6; Giorgi, 6; Bonaventura, 6,5; Parra, 4,5 (Denis 52’, 7); Colantuono, 6,5.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati